Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Marenzi: «La questione made in Italy resta nodale»

marzo 6 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

A margine della presentazione dei dati di preconsuntivo 2014 del tessile-moda,Claudio Marenzi, presidente di Sistema Moda Italia, ha fatto il punto su opportunità e nodi da sciogliere per il made in Italy. «Dobbiamo essere più aggregati – ha esortato – sia internamente, che quando ci presentiamo all’estero».

Marenzi ha ricordato l’importanza dell’appoggio del Governo, che per la prima volta ha dimostrato la volontà concreta di sostenere il settore e le sue manifestazioni di riferimento con stanziamenti cospicui.

«Ma spetta a noi fare un passo avanti ed essere coesi – ha detto -. Un segnale forte, quasi epocale, arriva dall’imminente trasferta di Shanghai, dove per la prima volta, in occasione del salone Chic, ci presenteremo tutti insieme: abbigliamento, sotto l’egida di Emi-Ente Moda Italia, calzature e tessuti con Milano Unica Cina».

Si tratta di un primo passo. In futuro, come ha anticipato l’imprenditore, altri mercati potrebbero essere approcciati con la stessa ottica di sistema: per esempio gli Stati Uniti dove, al di là delle prospettive fieristiche, c’è in programma, tra il 2015 e il 2016, un progetto di promozione delle label italiane in sinergia con i department store, sulla falsariga di quanto già fatto in tempi recenti in Germania.

A proposito di Germania, Marenzi si è detto rammaricato del fatto che il suo “omologo” tedesco abbia negato per un mese la sua disponibilità a incontrarlo per discutere di un tema che gli sta molto a cuore, il made in.

«La Comunità Europea – ha precisato – continua a penalizzarci, complice il persistente ostracismo di alcuni Paesi soprattutto nordeuropei. Teniamo presente che l’Europa è l’unica area del mondo che non ha l’etichetta obbligatoria. Più ancora che la tutela dell’italianità, ci sono in ballo la trasparenza e la correttezza verso il consumatore, che le richiede».

Il numero uno di Smi si è spinto oltre, affermando che dei 96mila posti di lavoro persi nel tessile-moda nel periodo 2008-2013, forse il 30% potrebbe essere riportato a casa se l’Ue cambiasse le sue posizioni in merito al made in.

Marenzi si è poi soffermato su un’iniziativa a cui Sistema Moda Italia sta lavorando, lo sviluppo di una piattaforma tecnologica per il tessile-abbigliamento, in collaborazione con Tex Club Tec e il possibile supporto della Comunità Europea.

«Ma al di là delle singole iniziative – ha concluso – la priorità è mantenere l’interezza della filiera nel nostro Paese. Teniamo presente che la Francia ha distrutto la propria catena tessile-abbigliamento ma può contare su due colossi, che guardano all’Italia non solo come bacino di marchi ma anche, e sempre di più, di know how. Un know how che, attraverso l’aggregazione e l’interazione, dobbiamo difendere facendo massa critica».

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Marenzi: «La questione made in Italy resta nodale»";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.