Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Who’s Next: calano del 15% i visitatori al salone francese. Incrementi solo dall’Asia

luglio 14 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

Chiude in negativo l’edizione estiva di Who’s Next, rassegna parigina di abbigliamento e accessori per donna e uomo: 36.810 sono stati i visitatori che hanno varcato i cancelli di Porte de Versailles tra il 4 e il 7 luglio, il 15% in meno rispetto all’anno precedente.

«La flessione – fanno sapere gli organizzatori – è strettamente legata alla diminuzione del pubblico francese (-18,4%), mentre si registra una progressione senza precedenti dell’affluenza asiatica: +51,7% la Cina, +64% la Corea e il Giappone a quota 1.200 presenze».

«Credo che il problema di fondo sia un calendario troppo affollato di fiere, che contano sugli stessi espositori e visitatori. La crisi oggi impone scelte oculate: le trasferte pesano sui bilanci», commenta a caldo Alessandro Pazzaglia, responsabile commerciale di Ruco Line.

I compratori si sono mostrati accorti negli acquisti. Sono prevalsi ordini di pezzi coordinabili tra loro, per ottenere soluzioni diverse, senza seguire un reale filone di tendenza. Del resto – spiega un recente sondaggio condotto dalla Fédération Française du Prêt-à-Porter Féminin con IFOP, su un campione di mille donne francesi tra i 15 e i 65 anni – la moda è oggi percepita come uno strumento per esprimere la propria personalità, per distinguersi, più che per seguire trend o codici sociali. Le consumatrici sono sempre meno fedeli ai marchi di prêt-à-porter e selezionano in base a criteri di qualità, comfort, originalità, valutando attentamente il rapporto stile-prezzo.

Il concetto di tendenza cambia sotto gli input del web e della crisi e nel forum di preview sulla primavera-estate 2015, progettato dal team Who’s Next con il bureauMartine Leherpeur, scompare la suddivisione in temi, per fare posto alle “ossessioni di stagione”, ovvero capi “vedette”, che le persone combinano per raccontare ciascuno il proprio stile: una camicia bianca d’ispirazione surrealista, un trench over, un abito a nido d’ape con dettagli techno e via così fino al sandaletto di plastica colorato, che potrebbe, in un futuro neanche tanto lontano, segnare il passaggio diretto dal digitale al prodotto, mediante le stampanti 3D.  Who’s Next tornerà a Porte de Versailles dal 23 al 26 gennaio 2015 per festeggiare il suo ventesimo anniversario.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Who’s Next: calano del 15% i visitatori al salone francese. Incrementi solo dall’Asia";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.