Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Centergross: da CPM Moscow la conferma delle ottime relazioni con il mercato russo ed est europeo

marzo 2 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Carpi, News

Bilancio positivo per la partecipazione del polo d’eccellenza dedicato al pronto moda seconda, dopo quella dello scorso autunno – alla maggiore fiera del fashion dell’Est Europa, che ha chiuso la 30esima edizione con la presenza di 24mila visitatori specializzati.

Si conferma come uno degli appuntamenti più influenti dedicati al business per l’industria della moda internazionale CPM – Collection Première Moscow, fiera organizzata da Messe Duesseldorf Moscow e Igedo Company, conclusasi il 22 febbraio con oltre 1.300 brand provenienti da 30 Paesi.

Numerosi i buyer intercettati da Centergross, presente con il proprio stand istituzionale in rappresentanza dei circa 400 brand del distretto, specializzati nei settori abbigliamento donna, uomo, bambino, intimo, accessori, tessuti e arredotessile. Provenienti in particolare da Mosca e dai territori limitrofi, da Kazakistan, Kirghizistan, Ucraina, Bielorussia, dai circoli federali degli Urali e della Siberia, ma anche dalla Turchia, dalla Polonia e dalla Gran Bretagna, i buyer che hanno visitato lo spazio Centergross sono stati subito coinvolti in rapporti di collaborazione e partnership con il polo bolognese.

«Abbiamo riscontrato un senso di stabilità sul mercato internazionale e di sicurezza generale – spiega la Presidente di Centergross, Lucia Gazzotti –. Guardiamo al 2018 con ottimismo: dopo un periodo di contrazione, il mercato russo, importante anche come via di accesso a tutti i mercati est europei, conferma i segnali di ripresa già visibili dallo scorso anno. Per Centergross è quindi fondamentale investire in eventi come CPM. Il nostro obiettivo è quello di incrementare l’incoming buyer dall’Est Europa del 5%, arrivando a quota 40%».

Dati di riferimento descrivono l’eccellenza delle relazioni d’interscambio tra la Federazione Russa e l’Italia.

Con una quota export passata dal -5,7% del 2016 a un +26,9% (2017/2016), nel confronto con altri Stati, l’Italia si posiziona come terzo Paese per esportazioni in Russia, dopo la Corea del Sud e il Kazakistan. Il settore moda e accessori, in particolare, rappresenta il 13,3% della quota totale delle importazioni nella Federazione Russa dall’Italia (2015-2017), per un valore di 964 milioni di euro nel 2017, con una variazione percentuale del 28,8% (gennaio/novembre 2017/2016), in forte aumento rispetto a quella del 2016/2015, pari al 16,7%. Stesso trend positivo emerge anche in Emilia-Romagna – dove il commercio internazionale con la Russia, dall’1,1% del 2016/2015 ha toccato il 17,6% nel 2017/2016, per un valore totale di oltre 1 miliardo di euro e a Bologna, salita da un da un 3,4% a un 17,9%.

Centergross

Polo d’eccellenza dedicato al pronto moda tra i maggiori in Europa, Centergross si sviluppa in un’area di 1 milione di metri quadrati alle porte di Bologna. Fondato nel 1977, e presieduto oggi da Lucia Gazzotti, raccoglie circa 600 aziende (1 su 4 impegnata nell’abbigliamento donna) e oltre 6.000 lavoratori di settore.

Il volume complessivo di affari di circa 5 miliardi di euro, ne fa una delle aree di maggiore attività e fermento per il settore moda made in Italy a livello internazionale. Il 60% del commercio è rivolto ai mercati esteri: Asia, Europa, Stati Uniti e Medio-Oriente. Centergross è frequentato da una media di 10.000 buyer al giorno, per un totale di 1.700.000 accessi annuali.

www.centergross.com - cpm-moscow.com

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Centergross: da CPM Moscow la conferma delle ottime relazioni con il mercato russo ed est europeo";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.