Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Con un +7,4%, nel 2014 l’export a Prato torna a crescere

marzo 18 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

I dati dell’export a livello territoriale appena resi disponibili dall’Istat consentono di tracciare un primo bilancio del 2014. Secondo le elaborazioni dell’ufficio studi dell’Unione, Prato mette a segno una crescita delle esportazioni manifatturiere pari al +7,4% rispetto al 2013.

Il tessile

L’export di prodotti tessili cresce nel 2014 del +4,9% rispetto al 2013.

Nella composizione del risultato finale è rilevante il ritorno in positivo delle vendite all’estero di tessuti ortogonali, che rappresentano il 30,5% dell’export della provincia e chiudono l’anno a +3,9% rispetto al 2013.

tessuti speciali e tecnici ripetono la performance dell’anno scorso aumentando nel 2014 del +6,6%, così come i filati per maglieria che chiudono a quota +6,0%.

Abbigliamento e maglieria

Il comparto dell’abbigliamento e accessori in tessuto continua ad aumentare anche nel 2014 (+10,9%), così come la vendita di capi e accessori in maglia (+16,7%).

Gli altri settori manifatturieri

La meccanica in complesso (incluso il meccanotessile) dopo quattro anni consecutivi di crescita rallenta la sua corsa e chiude con una variazione del +2,9% rispetto al 2013.

L’export della chimica aumenta del +9,3%; chiudono con un +3% le vendite di mobili, nel cui settore merceologico sono inclusi i materassi, variazioni positive anche per le vendite all’estero del settoregomma e plastica (+11,1% sul 2013), mentre i prodotti alimentari aumentano del +13,9%.

I mercati

Rilevante la spinta dei mercati europei nelle dinamiche del 2014: Germania +9,3%, Spagna +16,7%, Regno Unito +19,9% Portogallo +17,2%.
Negli andamenti degli altri mercati si riscontrano gli effetti delle variazioni dei cambi e delle tensioni geopolitiche: molto significativo l’aumento dell’export negli Stati Uniti, +28,3%, negativi invece Russia (-16,3%), Turchia (-9,5%), e Giappone (-11,1%).
Il Presidente dell’Unione Andrea Cavicchi commenta: “I dati elaborati dall’ufficio studi confermano il valore che i mercati internazionali riconoscono al distretto pratese. Gli imprenditori sono stati in questi anni bravissimi a resistere e adesso che la stretta esterna si sta allentando chi ha investito in macchinari è nelle condizioni di ripartire.
Grazie al cambio euro dollaro i nostri prodotti hanno riguadagnato quella competitività che è sempre stata un punto di forza del distretto. Le preoccupazioni che rimangono sono quelle legate alla competitività interna, al costo dell’energia, ai prezzi delle materie prime e alla instabilità politica di alcuni scenari internazionali”

​.​

 

 


var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Con un +7,4%, nel 2014 l'export a Prato torna a crescere";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.