Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

EMI porta un po’ di Italia al “Rooms” di Tokyo

febbraio 17 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

Ente Moda Italia torna in Giappone per organizzare la partecipazione di una selezione di aziende italiane alla prossima edizione di Rooms, il salone che si tiene dal 17 al 19 febbraio, a Tokyo, all’interno del Yoyogi National Stadium nel quartiere di Shibuya – Harakuju, centro nevralgico del mondo della moda nipponica.
La manifestazione, arrivata alla 32ma edizione, è dedicata alla moda uomo, donna e accessori, e presenta un’ampia selezione di collezioni dallo spirito creativo e dall’approccio contemporaneo.

Complessivamente, circa 500 i brand che partecipano al salone, e 15.000 gli operatori specializzati a ogni edizione, provenienti da tutto il Giappone e in rappresentanza sia dei principali department stores – nomi come Isetan Mitsukoshi, Takashimaya, Sogo&Seibu, Printemps Ginza, Matsuya, Hankyu Hanshin, Omotesando Hills, Beams, United Arrows, Ships, Tomorrowland, Barneys Japan, Roppongi Hills, Parco, Lumine – sia dell’ampia offerta del retail e delle boutique indipendenti, alla costante ricerca di nuove proposte da introdurre sul mercato.

Il successo raccolto negli ultimi anni da Rooms è testimoniato anche dall’attenzione da parte di brand internazionali interessati a sviluppare rapporti con il mercato giapponese, e che a ogni edizione rappresentano una quota crescente del totale delle aziende presenti.

“Rooms abbina allo spirito commerciale del trade-show una forte immagine comunicativa – afferma Alberto Scaccioni, amministratore delegato di Ente Moda Italia - e si presenta come una valida piattaforma per posizionarsi nel mercato giapponese e per capirne concretamente il polso e l’andamento”.

“Per le aziende italiane – osserva - è indubbiamente un’interessante opportunità per farsi conoscere, e presentare in modo efficace le loro collezioni ai grandi buyer giapponesi e ai rappresentanti del retail indipendente”.

“Il Made in Italy nella produzione moda resta un elemento di grande appeal, e le creazioni italiane continuano ad avere un grande riscontro sui mercati internazionali. Se poi si pensa al Giappone, che è nei fatti un mercato tra i più evoluti e sofisticati, e si colloca nella top ten dei più importanti mercati di riferimento per la moda italiana, la nostra presenza a Tokyo è ancora più significativa”.

Le aziende italiane che partecipano a Rooms Tokyo sotto l’egida ‘Italian Fashion’ sono Nolabel, Cintelli e Galluzzo, I Bello!. Il brand Nolabel, nato a Firenze nel 2014, propone una linea di giubbotti in pelle interamente realizzati in Italia con pregiate materie prime e una grande attenzione ai dettagli; un mood dark e uno stile urban caratterizzano ogni capospalla per collezioni avant-garde di grande qualità.

Cintelli e Galluzzo, con una lunga storia alle spalle, è un’azienda fiorentina che produce cappelli, sciarpe e accessori in maglia, esempio dell’arte del fare, tipica della migliore tradizione italiana e toscana. Negli anni l’abilità e l’intraprendenza delle sue maestranze hanno contribuito a creare prodotti dalla forte impronta artigianale con uno stile contemporaneo.

Con I Bello! è un brand campano che reinterpreta l’antica tradizione e cultura del cammeo declinata in chiave contemporanea per accessori dallo stile fresco e ironico. Collane, anelli e orecchini sono realizzati con cammei di conchiglia naturale prodotti in Italia da piccoli artigiani locali.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="EMI porta un po' di Italia al "Rooms" di Tokyo";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.