Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Macchine tessili: partenza al rallentatore nel 2014

maggio 14 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

La raccolta ordini di macchine tessili nei primi tre mesi dell’anno appare in sofferenza. Raffaella Carabelli, Presidente di ACIMIT: “Gli investimenti nei principali mercati esteri sono ancora fermi. L’euro forte è un ulteriore freno per l’export del settore”

Nel primo trimestre del 2014 l’indice degli ordini di macchine tessili, elaborato dall’ufficio studi di ACIMIT (l’Associazione dei Costruttori Italiani di Macchine per l’Industria Tessile), segna un calo dell’8% rispetto al trimestre precedente, per un valore assoluto pari a 81,2 punti (base 2010=100).

All’estero la flessione degli ordini rispetto al periodo ottobre-dicembre 2013 è stato del 10% e l’indice si è fissato ad un valore di 85,4 punti. Sul fronte interno, invece l’indice ordini è cresciuto del 10% per un valore assoluto di 53,7.

Il 2014 è iniziato con il freno a mano tirato, commenta il Presidente di ACIMIT, Raffaella Carabelli. Il dato che proviene dal mercato interno non deve generare facili entusiasmi. Il recupero rispetto ai minimi storici dei precedenti trimestri è evidente. Attendiamo la prossima rilevazione di metà anno per capire se anche le nostre vendite sul mercato italiano seguiranno il trend positivo già avviato nel 2013 dai macchinari di origine estera”.

Non sono invece incoraggianti i dati provenienti dai mercati esteri, dove il confronto con il trimestre precedente è deficitario. “Dopo le difficoltà riscontrate su diversi mercati nel 2013, legate soprattutto al rafforzamento dell’euro, prosegue Carabelli, gli investimenti nei Paesi esteri procedono a macchia di leopardo. Anche in questa prima parte dell’anno l’apprezzamento dell’euro rispetto ad alcune valute locali sta mettendo in difficoltà le nostre vendite all’estero. Confidiamo però, aggiunge il Presidente di ACIMIT, che la domanda cinese riprenda lo slancio necessario. Alla prossima ITMA ASIA, che si terrà a Shanghai a giugno, verificheremo gli eventuali segnali di ripresa del mercato locale”.

A proposito di ITMA, la principale manifestazione per le macchine tessili a livello mondiale, si deve sottolineare come già oltre 100 costruttori italiani hanno confermato la loro partecipazione alla prossima ITMA2015, che si svolgerà a Milano dal 12 al 19 novembre. “Il superamento di quota 100 ad un anno e mezzo dalla manifestazione, conclude Carabelli, è un viatico incoraggiante ed un messaggio di ottimismo che arriva dai nostri imprenditori”.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Macchine tessili: partenza al rallentatore nel 2014";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.