Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Milano Unica Cina continua a scommettere sulle potenzialità del grande mercato cinese

ottobre 21 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Como, Eventi, News, Prato

Assieme alle migliori, innovative e creative proposte di tessuti, il Salone Italiano del Tessile offrirà ai suoi ospiti un’imperdibile serata culturale con l’étoile del Teatro alla Scala, Roberto Bolle, per la prima volta in Cina Shanghai, 20 ottobre 2014. La VI edizione di Milano Unica Cina è stata inaugurata oggi alla presenza di Stefano Beltrame, Console Generale d’Italia a Shanghai, Silvio Albini, Claudio Pasqualucci, Direttore della  sede di Shanghai, Agenzia ICE., membro del Comitato di Presidenza di Milano Unica, Fabrizio Servente, Global Strategy Advisor di the Woolmark Company, Xu Yingxin, Vicepresidente Esecutivo di CCPIT- TEX, Detlef Braun, Member of the Executive Board, Messe Frankfurt.

La realizzazione di questo importante momento commerciale e culturale è stata possibile, sin dagli esordi, grazie al supporto costante, professionale ed economico di Agenzia Ice, senza la cui collaborazione i risultati raggiunti non sarebbero stati possibili.

Gli espositori del comparto tessile-accessori dell’alta gamma italiana, in tutto 127 provenienti da tutta Italia, presentano le collezioni Autunno/Inverno 2015-16. Una importante Area Trend, che ha riscosso successo nelle edizioni precedenti, guiderà i clienti nella selezione dei tessuti e degli accessori in tendenza. Anche il workshop di Angelo Uslenghi, coordinatore della commissione stile di Milano Unica, integrerà il servizio fornendo spiegazioni, suggestioni e linee guida per l’interpretazione dell’Area Trend e dei prodotti proposti dagli espositori. Il seminario, in inglese con traduzione simultanea in cinese, si svolgerà il 21 ottobre presso la Hall E2, sala M 19.

Il successo del Salone, è confermato non solo dal costante numero di espositori, ma anche dal crescente numero di compratori selezionati. Oltre 3.400 clienti altamente selezionati hanno visitato Milano Unica Cina a marzo con una crescita del 13,3%.

Questi ultimi due segnali sono molto importanti, soprattutto se si tiene conto di due fattori: l’andamento complessivo del comparto tessile italiano e quello del mercato cinese. Il comparto tessile italiano, pur con una positiva inversione di tendenza rispetto al 2013 e al 2012 in termini di fatturato e di export, ha visto progressivamente diminuire il numero complessivo di aziende attive. Il mercato cinese, a sua volta, per varie ragioni, ha subito a partire dal 2013 un significativo rallentamento della sua crescita, con un pesante riflesso sulle nostre esportazioni.

Nei primi sei mesi del 2014 le esportazioni di tessuti italiani verso la Cina hanno registrato un calo complessivo del 13,1%, caratterizzato da una diminuzione del 27,1% dei tessuti di lana cardata e del 13,7% di quelli di lana pettinata, che tuttavia mantengono un significativo saldo positivo rispetto le analoghe importazioni dalla Cina.

“Ciò nonostante la fiducia degli espositori di Milano Unica verso questo grande e strategico mercato non è venuta meno. Tranne dei fisiologici cambiamenti, ci presentiamo a questo appuntamento rafforzati, nella consapevolezza che la Cina continuerà a rappresentare una parte importante del futuro della nostra industria tessile”, afferma Silvio Albini, Presidente di Milano Unica.

A conferma della giustezza del posizionamento nella fascia medio-alta e di lusso della nostra offerta e del riconoscimento da parte dei consumatori cinesi di una qualità superiore dei nostri tessuti, nel 2013 il valore delle importazioni di tessuti dalla Cina è stato di 418 milioni di euro, mentre quello delle nostre esportazioni è risultato di circa 380 milioni di euro, con quantità, però, che risultavano 5 volte inferiori alle importazioni cinesi.

Considerati i dati di crescita dei consumi di abbigliamento del 2014 pari all’11,5%, dati importanti ancorché inferiori al 17,7% registrato nel 2012, possiamo evincere che i consumi del mercato cinese permangano di grandi dimensioni. Tutte le previsioni, segnalano la crescita del ceto medio abbiente della Repubblica Popolare Cinese nell’ordine delle decine di milioni da qui al 2020. Milioni di persone che chiedono prodotti di abbigliamento belli, di qualità e innovativi, che considerano il tessuto made in Italy come condizione largamente necessaria.

La compagine industriale rappresentata da Milano Unica ha proprio l’obiettivo di portare in un Paese sempre più sensibile ai valori dell’industria tessile-accessori italiana l’arte manifatturiera di alta gamma. Una compagine variegata che propone collezioni per l’uomo e la donna, spaziando dal classico allo streetwear, per coprire la crescente domanda di qualità, servizio e innovazione del Paese.

Secondo la ricerca dell’Hong Kong Trade Development Council dell’agosto 2014, l’abbigliamento maschile è in evoluzione con una crescente richiesta di stile e qualità, con la ricerca del capo giusto per le varie occasioni, e con uno spostamento, nuovo nel panorama cinese, verso lo sportswear e il casual wear. Quest’ultimo, inizialmente destinato a un mercato di massa, sta diventando sempre più “fashion oriented” con un occhio di riguardo al denim. Importante e degno di nota è lo sviluppo che si sta verificando nel settore dell’abbigliamento per bambini, oggetto di una crescita esponenziale.

“All’interno di questo trend va poi segnalato il ruolo sempre più importante delle donne come consumatrici, in un mercato che fino ad un recente passato era caratterizzato prevalentemente dai consumi maschili. A confermarlo non sono solo le ricerche di mercato delle grandi società di consulenza o i cambiamenti nella composizione dei fatturati dei grandi brand presenti in Cina. Chi per turismo o per lavoro si trova a visitare le grandi metropoli cinesi, questo spostamento del baricentro di genere nei consumi di abbigliamento lo può toccare, direttamente, con mano. Si tratta di donne eleganti, sofisticate, intellettualmente curiose ma, soprattutto, molto più giovani della media delle consumatrici dei nostri più tradizionali mercati” sostiene Albini.

Milano Unica si presenta a Shanghai con un’offerta agguerrita e di valore declinata al femminile, che si affianca alla tradizionale eccellenza dei tessuti e degli accessori orientati alla moda maschile, a conferma del suo carattere a tutto tondo di Salone Italiano del Tessile.

Secondo il Direttore Generale Massimo Mosiello “lo sviluppo del nostro interscambio commerciale, nel reciproco interesse, contribuirà anche al rafforzamento delle più complessive relazioni fra i nostri due Paesi. Il nostro patrimonio culturale presenta, infatti, molte analogie con quello cinese, che pur nella sua straordinaria peculiarità, rappresenta una formidabile occasione di contaminazione culturale, prima ancora che di innovazione produttiva. E’ questo anche il significato della straordinaria serata organizzata ogni edizione da Milano Unica. Per contestualizzare la manifestazione nel suo elemento di forza e di ispirazione secolare,

Milano Unica ama portare l’arte e la cultura italiana come strumento di accoglienza e di benvenuto. Questa edizione lo fa con l’arte di una delle più grandi Etoile italiane della danza mondiale, Roberto Bolle. Per la prima volta in Cina “Roberto Bolle & Friends” presenta i suoi balletti prediletti insieme ai migliori danzatori chiamati dai maggiori teatri di tutto il mondo, tra i quali la prima ballerina internazionale Yuan Yuan Tan. Lo spettacolo si terrà presso lo Shanghai Grand Theater dalle 19.30 alle 21.00 solo su invito”.

Il Console Generale d’Italia a Shanghai, Stefano Beltrame, indica: “Milano Unica è un evento di altissimo livello nel settore tessile e della moda che indubbiamente contribuisce al posizionamento dell’Italia in Cina, tema sul quale insistiamo per promuovere le aziende italiane ed i flussi turistici verso il nostro Paese.

L’appuntamento di Milano Unica sarà anche un volano ulteriore di Expo Milano 2015, dove la presenza cinese sarà assai significativa, con ben tre padiglioni.”

ITA – Agenzia ICE per l’internazionalizzazione, si conferma per la 6° edizione partner in Cina di Milano Unica. Claudio Pasqualucci, Direttore dell’ufficio Agenzia-ICE di Shanghai afferma: “la nostra collaborazione con Milano Unica, negli anni si è sempre più rafforzata in virtu’ delle caratteristiche proprie dell’iniziativa , un vero e proprio approccio di Sistema che vede coinvolti partners istituzionali e privati di elevata competenza tecnica,a supporto sia delle aziende del settore tessile che gia’ interagiscono con il mercato Cinese che dei tanti newcomers.

I prodotti esposti all’interno di Milano Unica, rappresentano le eccellenze assolute italiane nel loro specifico campo: un’icona del Made in Italy sempre piu’ frutto e simbolo di ricerca, innovazione tecnologica e capacita’ di scegliere e offrire il meglio. In Cina in particolare tale approccio risulta particolarmente vincente in relazione all’esigenza, sempre piu’ marcata di proporre metodi di collaborazione che esaltino le qualita’ e le caratteristiche dei due paesi, accomunati da tradizione e ricerca.”

Cercare di capire sempre meglio l’evoluzione del mercato cinese, dei gusti e delle sensibilità degli uomini e delle donne che lo compongono, è ciò che Milano Unica ha cercato di fare oggi. Milano Unica con i suoi espositori è infatti molto attenta al concetto di squadra e al gioco strategico di sinergie che si vengono a creare tra la domanda e l’offerta.

“Sinergie che, però, vanno oltre, e si attualizzano in campi diversi, tramite istituzioni e tramite aziende importanti e lungimiranti che hanno capito quanto sia fruttuoso lavorare insieme per trasmettere forte e chiaro il concetto di unità. Per questo ringrazio il Viceministro Carlo Calenda e il Ministero dello Sviluppo Economico, l’Agenzia Ice di Roma e il direttore dell’ufficio Ice di Shanghai Claudio Pasqualucci, Sistema Moda Italia e il Comune di Milano. Con le istituzioni ringrazio i partner privati Woolmark, DHL, Banca Sellaper l’unità di intenti e di passioni. Unità: concetto nato tra le nostre fila 10 anni fa con l’unificazione delle fiere della rappresentanza tessile italiana in una sola, grande e rappresentativa, forte dei decenni di esperienza delle manifestazioni specializzate: Ideabiella, Ideacomo, Moda In, Prato Expo e Shirt Avenue” conclude Albini

Il prossimo appuntamento di Milano Unica è a Milano, Portello di Fieramilanocity, il 4-6 febbraio 2015.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Milano Unica Cina continua a scommettere sulle potenzialità del grande mercato cinese ";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.