Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Passerella finale per “E’ di moda il mio futuro – Speciale filiera”

giugno 6 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

Ieri la prima tappa al Museo del tessuto di Prato, con i ragazzi degli istituti Buzzi e Russell-Newton e i lavori scaturiti dal progetto

È stato il Museo del tessuto di Prato a ospitare oggi il primo dei tre appuntamenti finali di ”È di moda il mio futuro – Speciale filiera“. È infatti giunto a conclusione il progetto che ha consentito ai ragazzi di conoscere e toccare con mano le fasi  principali della filiera moda, partendo dal filato, procedendo col tessuto e arrivando al capo finito. Coinvolte nell’iniziativa le classi IIIB e IIID Sistema moda dell’Istituto Tecnico Industriale “Tullio Buzzi” di Prato di Prato e IIIE Sistema moda dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore Tecnica e Liceale “Russell-Newton” di Scandicci. Insieme a loro Confindustria Toscana Nord e le imprese socie Azeta Filati, i lanifici Marini IndustrieTexmoda che hanno a loro volta coinvolto propri fornitori per le fasi di tessitura e di nobilitazione, Cunningam per l’abbigliamento.

L’idea di sviluppare un percorso didattico incentrato sullo sviluppo del tessuto lungo la sua filiera produttiva è partita dalle due scuole ed è entrata a far parte delle tante iniziative del progetto “È di moda il mio futuro” di Confindustria Toscana Nord, che nel prossimo autunno si concentrerà sull’orientamento dei giovani verso le professioni del tessile-abbigliamento.

“Rispetto allo scopo generale di ‘È di moda il mio futuro’ lo ‘Speciale filiera’ ha una connotazione più spiccatamente didattica – spiega il presidente della sezione Sistema moda di Confindustria Toscana Nord Andrea Cavicchi -. Un aspetto importantissimo anche per la nostra associazione, che ritiene fondamentale una formazione dei giovani quanto più possibile aderente alla realtà del mondo produttivo e il coinvolgimento diretto e attivo delle imprese stesse in questo ambito. Questo ‘Speciale filiera’ è un modo per far conoscere ai ragazzi l’intero ciclo produttivo tessile e le molte professionalità che vi concorrono: i giovani hanno potuto vedere cosa c’è a monte della realizzazione di un abito e gli sviluppi a valle della produzione di un filato e di un tessuto, osservando tecniche in parte coincidenti con le loro materie di studio e in parte complementari a queste. Hanno potuto anche scoprire funzioni e mestieri aziendali che non conoscevano ma che potrebbero rappresentare interessanti sbocchi occupazionali. Un modo concreto e funzionale per avvicinare sempre di più i giovani al nostro settore.”

L’ITIS Buzzi e l’ISISTL Russell-Newton sono focalizzate, per l’indirizzo Sistema moda, rispettivamente sul tessile e sull’abbigliamento, con attenzione agli aspetti sia tecnici che creativi. La collaborazione che hanno avviato mira a rendere gli studenti consapevoli dell’intero ciclo di produzione del settore moda, anche di quelli di non diretta pertinenza; da qui l’inclusione del progetto nelle iniziative per l’orientamento di Confindustria Toscana Nord e la realizzazione di “E’ di moda il mio futuro-Speciale filiera”, che ha il patrocinio del Comune di Prato, della Provincia di Prato, del Comune di Scandicci e di Confindustria Firenze.

Durante lo svolgimento del progetto, partito all’inizio di aprile, si sono svolte visite aziendali e vi è stata l’acquisizione da parte delle scuole di materiale (prodotti tessili ma anche schede tecniche) da studiare per capire come si progetta e realizza un filato, un tessuto, un capo di abbigliamento. I ragazzi hanno potuto realizzare variazioni di disegno o di colore e, nel caso del Russell-Newton, vi è stato l’impegno diretto nella realizzazione dei capi. Oggi al Museo del tessuto si è tenuto l’incontro finale (e l’iniziativa sarà replicata domani mercoledì 6 giugno al Buzzivenerdì 8 al castello dell’Acciaiolo a Scandicci) in cui i ragazzi si sono scambiati idee e commenti sulle esperienze fatte, con l’esposizione anche dei filati e dei tessuti utilizzati nel progetto, oltre che dei capi realizzati con i tessuti stessi.

I filati

Sono stati utilizzati soprattutto due filati, entrambi realizzati da Azeta Filati e presenti nella sua collezione: un filato fantasia stoppino rilegato misto lana, titolo 3000, nei colori bianco e nero, e un filato fantasia bouclé, melange, titolo 8000, anche questo misto lana. I due filati sono stati  realizzati nello stabilimento di Vaiano con gli impianti ad alta tecnologia dell’azienda stessa. Dato lo scopo didattico, si è scelto di impiegare filati dalla composizione complessa e con caratteristiche ed effetti diversi.

I tessuti

I filati di Azeta sono stati utilizzati da Texmoda e da Marini Industrie per due tessuti, entrambi impiegati dai ragazzi del Russell-Newton per realizzare i capi.

Il tessuto di Texmoda, realizzato con il primo filato, è un fantasia tipicamente pratese per capispalla, variazione sul tema del classico tweed. Con questo tessuto alcuni dei ragazzi del Buzzi hanno potuto “giocare” in tessitura proponendo varianti di filati e di colori diversi.

Il tessuto di Marini Industrie impiega invece il secondo filato in associazione con un altro di lana cardata, realizzando un doppia faccia apribile, trattato in cesto con effetti particolari.

I capi

Con i tessuti sono stati realizzati dai ragazzi del Russell-Newton dei capi progettati sulla base della tipologia del tessuto e delle sue varianti di colore e scegliendo alcune tendenze tra quelle studiate per l’autunno/inverno 2018-19. Richiami al sogno nell’outfit ispirato alla tendenza Flower; il tessuto come interprete nella sua declinazione del giallo nella tendenza Textile; Beauty è il sinonimo dell’eleganza senza tempo che si esprime in un tubino classico alleggerito da tocchi di tulle; Self la personalità vivace in un corpetto rosso e una gonna sorprendente; Flappers ispirato agli anni ‘20 con un gioco di vedo-non-vedo con tocchi metallici e Children con un look fresco e informale  composto da shorts e T-shirt  decorata.

Alla realizzazione dei capi ha collaborato anche, con propri modelli, l’impresa Cunningam.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Passerella finale per “E’ di moda il mio futuro - Speciale filiera”";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.