Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Scarti tessili, le imprese: bene impegno Regione ma più celerità

luglio 22 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

Giudizio positivo sull’apertura da parte della Regione Toscana del tavolo per l’economia circolare tessile e per l’impegno diretto del presidente Rossi sul tema dei rifiuti, particolarmente importante per il distretto pratese e che necessita di tempi rapidi per la soluzione del problema. Questi i commenti di CNA Toscana CentroConfartigianato Toscana – Confartigianato PratoConfindustria Toscana Nord dopo l’incontro svoltosi a Firenze che ha segnato l’avvio dei lavori del tavolo, alla presenza oltre che del presidente Rossi e di rappresentanti delle tre associazioni, anche dell’assessore all’ambiente Federica Fratoni, del dirigente del medesimo settore Edo Bernini e del responsabile del Dipartimento di Prato di ARPAT Alessio Vannucchi.

Le categorie economiche pratesi concordano col presidente Rossi sull’opportunità di lavorare per limitare al minimo possibile la produzione di rifiuti tessili: la tradizione del distretto, antesignano del riciclo delle fibre, predispone favorevolmente le imprese in questa direzione. Le 50.000 tonnellate di scarti che oggi sono prodotti da imprese tessili e confezioni pratesi potrebbero ridursi drasticamente (anche se non totalmente) se fosse favorita la classificazione degli scarti di lavorazione come sottoprodotti anziché come rifiuti. Su questo punto l’impegno delle associazioni c’è e si concretizza nell’affinamento progressivo di linee-guida che aiutino le imprese a semplificare le complesse procedure che consentono di sottrarre parte degli scarti al ciclo dei rifiuti e di reimmetterli nel ciclo produttivo. La Regione ha chiesto un progetto preciso su questo punto, impegnandosi, a fronte di questo, ad attivare un servizio che aiuti le imprese a trovare impianti di smaltimento per i rifiuti che comunque residueranno. Rimane quindi la questione della realizzazione di nuovi impianti  e del potenziamento di quelli esistenti che riteniamo indispensabili affinché venga superato il problema della gestione del rifiuti in una visione pratica. Sotto questo punto di vista le categorie economiche hanno chiesto un provvedimento urgente per risolvere in tempi rapidi l’emergenza che si sta verificando attualmente sul territorio.

Le associazioni a loro volta hanno chiesto il sostegno della Regione su un punto preciso delle procedure per la classificazione degli scarti: regole meno rigide per includere fra i sottoprodotti i ritagli di confezione, materiali su cui ARPAT ha manifestato dubbi e su cui ci saranno approfondimenti.

Ma la richiesta più pressante posta alla Regione riguarda i costi per gli investimenti in questo ambito e il mercato dei prodotti realizzati con materiali tessili di riciclo: un mercato che oggi sembra troppo esiguo per rendere economicamente sostenibile il riutilizzo delle fibre. I modi per intervenire ci sarebbero: chi riutilizza le fibre tessili potrebbe essere incentivato attraverso la riduzione degli oneri per la tassa rifiutisgravi fiscali sulla base degli investimenti effettuati. Potrebbero esserci anche strumenti normativi senza costi per le amministrazioni, per esempio imponendo l’uso di materiali isolanti di fibre riciclate a “chilometro zero” per l’edilizia.

 

La riduzione dei rifiuti è possibile, ma occorre che da parte delle istituzioni vi sia l’impegno a facilitare il percorso di riutilizzo e un sostegno alle imprese per allargare un mercato che permetta il concreto riutilizzo nella produzione.

 

 

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Scarti tessili, le imprese: bene impegno Regione ma più celerità";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.