Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

“Made in Italy: valore economico, sociale, etico”. Due giorni di confronto a Prato (23 e 24 aprile)

aprile 16 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Carpi, News, Prato

“Made in Italy: valore economico, sociale, etico -  Cucire, Tramare, Ordire, Tessere … Etica !!!”

Ricorrerà il 24 aprile prossimo il secondo anniversario della tragedia del Rana Plaza, per non dimenticare, promuovere un consumo consapevole e sostenere il made in Italy, CNA Federmoda organizza una due giorni di confronto e dibattito presso il Museo del Tessuto di Prato (23 e 24 aprile 2015).

CNA Federmoda da sempre ha sostenuto azioni tese a mettere in risalto la responsabilità sociale d’impresa e sempre si è battuta affinché i percorsi di delocalizzazione non diano luogo ad azioni di dumping sociale e ambientale.

Per mantenere viva l’attenzione sulle problematiche legate alla globalizzazione, al rispetto dei diritti per garantire una equa e trasparente competizione internazionale, per promuovere politiche tese alla valorizzazione e promozione della filiera moda italiana al fine di garantire la sua sostenibilità economica già lo scorso anno l’ Associazione di settore della CNA organizzò, unica realtà imprenditoriale del settore ad attivarsi in tale senso,  un momento pubblico di dibattito con il coinvolgimento di Istituzioni e OO.SS. di settore.

CNA Federmoda decise allora di fissare la ricorrenza di questo tragico evento come momento per approfondire le tematiche della RSI e della sostenibilità per l’intera filiera del tessile, abbigliamento, pelle, cuoio e calzature, è stata quindi definita la seconda edizione dell’appuntamento che quest’anno si terrà a Prato presso i locali del Museo del Tessuto in due giornate: il 23  e 24 aprile prossimi.

Con l’iniziativa intitolata “Made in Italy: valore economico, sociale, etico -  Cucire, Tramare, Ordire, Tessere … Etica !!!”, CNA Federmoda chiama a discutere degli aspetti dell’internazionalizzazione dei processi produttivi: Istituzioni, Organizzazioni Sindacali dei lavoratori dipendenti, economisti, sociologi, tecnici e imprenditori.

“Questo appuntamento prende le mosse da tre tragedie – dichiara Luca Rinfreschi, Presidente Nazionale CNA Federmoda – che hanno segnato profondamente la recente storia del tessile: l’anniversario del crollo in Bangladesh, dove nel 2013 morirono 1138 lavoratori del tessile e rimasero feriti oltre 2000 operai, la tragedia di Prato con 7 lavoratori deceduti sempre nel 2013 e il crollo di Barletta  con 5 vittime nel 2011. Partendo da qui, l’iniziativa punta sia ad accendere i riflettori  sulle problematiche relative all’etica, alla legalità, alla sicurezza nei luoghi di lavoro, ai diritti dei lavoratori, sia a fare dei passi avanti operativi sulle tematiche correlate come l’educazione consapevole, limiti e prospettive per “certificare” la legalità, la sostenibilità del lavoro nella filiera e nei distretti, il passaggio generazionale, ecosistemi per la crescita sostenibile”.

“Il grande successo del made in Italy sui mercati internazionali è dato da un insieme di fattori – prosegue Antonio Franceschini, Responsabile Nazionale CNA Federmoda – la manifattura e il saper fare hanno nel nostro Paese un valore che non è solamente economico, ma ha a che fare con la Responsabilità Sociale, il buon lavoro, l’ Etica lungo tutta la filiera e per questo invitiamo tutti gli stakeholders ad un confronto per condividere un programma di azioni per la valorizzazione di quanto rappresenta il made in Italy nei suoi aspetti più intrinseci. Così come riteniamo debbano essere promosse azioni, anche legislative, tese a premiare quelle aziende che mettono in trasparenza i propri modelli organizzativi e certificano le diverse fasi del processo produttivo”

CNA Federmoda chiama quindi ad un confronto, tra gli altri, il Vice Presidente del Senato, sen. Valeria Fedeli, i Segretari Generali e Nazionali di Filtcem CGIL, Femca CISL, Uiltec UIL, il Ministero dello Sviluppo Economico attraverso Benedetta Francesconi Punto di Contatto Nazionale per la diffusione delle linee guida sulla Responsabilità Sociale dell’OCSE. La giornata del 23 aprile impegnerà i partecipanti in 5 tavoli di lavoro  dedicati a elaborare proposte concrete sui temi più sentiti dalle imprese; dopodiché, venerdì 24 aprile l’evento assumerà la forma di tavola rotonda, il tutto presso il Museo del Tessuto di Prato.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="“Made in Italy: valore economico, sociale, etico". Due giorni di confronto a Prato (23 e 24 aprile)";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.