Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Al via Modaprima (ma Moda Makers si è portata via le aziende di Carpi)

maggio 19 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Carpi, News

Si svolgerà da oggi al 21 maggio presso la Stazione Leopolda di Firenze l’82esima edizione di Modaprima, il salone organizzato da Pitti Immagine e dedicato alle collezioni ready-to-wear di abbigliamento e accessori donna e uomo per la primavera/estate 2018 e ai best-seller per l’autunno/inverno 2017-18.

A Modaprima andranno in scena circa 100 collezioni presentate da quasi 50 aziende, tra cui alcune delle principali realtà italiane e una selezione di aziende estere provenienti da Inghilterra, Spagna, Portogallo e Grecia. All’ultima edizione del salone sono stati circa 1.400 gli operatori arrivati a Firenze nei tre giorni della manifestazione, da più di 50 Paesi esteri, e si sono registrate crescite dei compratori dagli Stati Uniti e dalla Corea del Sud.

“Nonostante le difficoltà e le incertezze del settore, Modaprima continua a essere un salone di riferimento a livello internazionale per la moda di qualità dedicata alla grande distribuzione”, ha commentato Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine. “I punti di forza del salone rimangono l’internazionalità dei buyer e le date negli slot internazionali, in anticipo rispetto al normale avvio di stagione. Il programma di incoming di buyer esteri è per noi fondamentale e da diverse stagioni lo realizziamo assieme ad Agenzia ICE, partner diventato ormai strategico”.

Per questa edizione di Modaprima saranno 21 i buyer esteri coinvolti nel programma incoming, provenienti da Giappone, Russia, Corea del Sud, Ucraina, Lettonia, Cina e Belgio.

Continua inoltre il focus sugli accessori, con la sezione dedicata “Modaprima Accessories”, che presenta un mix di proposte pensate per i buyer alla ricerca di nuovi input stilistici. Le collezioni di questa edizione sono: Celdes, Farblue, Foodard Accessories, Luana Ferracuti, Vizio e Coccoluto Ferrigni.

Modaprima però, parla sempre meno carpigiano. A questa edizione, le presenze del distretto di Carpi nell’elenco dei 45 espositori sono soltanto quattro: un ulteriore calo rispetto all’edizione dello scorso novembre (in cui erano cinque) e un vero e proprio tracollo se paragonato al 2015 quando si attestavano sulla ventina.

Senza contare gli anni d’oro di Modaprima in cui le imprese carpigiane costituivano il nucleo principale della fiera ed erano oltre la metà del numero totale degli espositori (anch’essi ben più di oggi). Il fatto che pochi giorni prima (dal 16 al 18 maggio) si svolto a Carpi Moda Makers, evento di moda rivolto agli stessi buyer e operatori del settore che frequentano il salone fiorentino, è sicuramente una delle cause delle tante defezioni di aziende carpigiane. Anche se gli organizzatori di Moda Makers – il consorzio Expomodena insieme alle associazioni Cna, Confindustria e Confartigianato Lapam con la collaborazione di Promec, il sostegno di Carpi Fashion System e il contributo di Fondazione CR Carpi – hanno sempre negato di voler far concorrenza alla rassegna della Leopolda sottolineando, anzi, di aver programmato una chiusura anticipata nel pomeriggio del 18 per agevolare la trasferta a Firenze di espositori e visitatori. Ma intanto Moda Makers fa il pieno di aziende (49 in tutto), mentre Modaprima continua a perderne.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Al via Modaprima (ma Moda Makers si è portata via le aziende di Carpi)";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.