Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Prima assemblea di Confindustria Toscana Nord con la presenza di Boccia

ottobre 18 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

La prima assemblea annuale dei soci di Confindustria Toscana Nord si è riunita al Centro per l’Arte Contemporanea di Prato solo pochi giorni fa restituito al pubblico.

Si coniuga bene l’ambientazione con il tema proposto agli industriali di Lucca Pistoia e Prato: si è parlato, infatti, di “Industria contemporanea: il manifatturiero verso il modello 4.0”.

Il presidente di Confindustria Toscana Nord Andrea Cavicchi, dopo i saluti del Sindaco di Prato, Matteo Biffoni, e della Presidente della Fondazione per le arti contemporanee in Toscana, Irene Sanesi, ha esplicitato alle molte autorità presenti in sala ed ai soci l’argomento: “In questa parte della nostra regione - ha affermato Cavicchi - la contemporaneità delle industrie esiste da tempo, da che, cioè, la nostra manifattura ha acquisito la consapevolezza che la sua stessa ragione di esistere e la sua forza risiede nell’organizzazione a rete dei distretti, nella flessibilità produttiva, nella forza sistemica dell’industria. E, da contemporanea, oggi è pronta ad accettare la sfida del modello 4.0, alla quale le nostre imprese, ne sono convinto, risponderanno prontamente.”

Il territorio che Confindustria Toscana Nord rappresenta, d’altra parte, ha numeri e capacità tali da poter vincere questa scommessa, ha una grande vocazione manifatturiera e di eccellenza industriale, che in alcuni comparti presenta concentrazioni di aziende elevate al rango di “distretti industriali”, in un numero che non ha eguali in Italia. Solo per citarne alcuni: il sistema moda, tra i 5 distretti italiani più grandi in termini di addetti in Italia e il più grande del settore tessile-abbigliamento; il cartario, il primo in Europa; il ferrotranviario, che con la produzione di treni e materiale rotabile costituisce eccellenza nazionale.

Nella storia - ha continuato Cavicchi - i nostri imprenditori sono stati capaci di dar prova della loro abilità nel saper introdurre nelle aziende innovazioni sia di processo ma anche di prodotto. E questo ha consentito di consolidare, ma in molti casi anche di ampliare, le quote di mercato in particolare all’estero. Sono convinto che anche in questa quarta fase che presenta aspetti molto vicini alle rivoluzioni industriali del passato, sapremo trovare le soluzioni più adeguate alle  caratteristiche e alle particolari dimensioni delle nostre aziende, con risultati di crescita e di sviluppo che mi auguro possano andare anche al di là delle nostre stesse aspettative“.

Confindustria Toscana Nord, da parte sua ed a meno di un anno dalla sua costituzione, sostiene l’industria con azioni importanti nei rapporti con il territorio, nel sistema associativo, nelle relazioni con gli altri soggetti di rappresentanza economico, nelle politiche industriali (l’attenzione alla  sostenibilità, al risparmio energetico, alla tutela delle filiere, del sistema fieristico e dell’immagine complessiva dell’industria), nei servizi erogati (formazione, credito, ambiente, relazioni industriali).
Ma per poter essere parti attive della “quarta rivoluzione industriale”, gli imprenditori di  Lucca, Pistoia e Prato chiedono a gran voce una politica economica ed industriale nazionale e sovranazionale che guardi ai bisogni delle aziende, e che non si dimentichi del manifatturiero.

L’appello è stato rivolto agli ospiti dell’assemblea: in particolare a Luca Lotti, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, e a Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria, che ha chiuso i lavori della mattinata. Presente anche Luca Paolazzi, Direttore del Centro Studi di Confindustria, che ha illustrato il quadro di incertezza dello scenario economico attuale e la prospettiva di sviluppo del progetto 4.0.

A lavori conclusi, i soci hanno potuto visitare il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci: “Segno tangibile – come ha ricordato il Presidente Cavicchi –  del mecenatismo di una grande famiglia industriale pratese”.

In seduta privata, svoltasi un’ora prima, i soci hanno approvato all’unanimità il primo bilancio di Confindustria Toscana Nord; il prossimo appuntamento istituzionale è per la primavera 2017, quando sarà eletto il nuovo presidente. Nel frattempo si è insediata la commissione dei Saggi (composta da Marco Paolo Benesperi, Giovanni Gambini ed Antonio Tabarin), che nei mesi di novembre e dicembre raccoglierà le indicazioni degli associati sul candidato presidente; una volta approvato dal Consiglio Generale, il nominativo verrà sottoposto insieme alla sua squadra a elezione da parte dei soci.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Prima assemblea di Confindustria Toscana Nord con la presenza di Boccia";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.