Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Edizione difficile per Who’s Next–Première Classe: -16% di presenze

febbraio 8 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

Nel contesto particolarmente complesso di questo inizio di 2016, dopo un 2015 segnato dagli attentati terroristici e da una congiuntura economica ancora stagnante per il settore, il salone francese di prêt-à-porter e accessori Who’s Next–Première Classe si aspettava che sarebbe stata un’edizione difficile. E le sue cifre di presenza in fiera hanno purtroppo confermato questi timori. Da rilevare comunque alcuni segnali incoraggianti, che modificano un po’ le sfumature negative che emergono prendendo in considerazione solo il numero dei visitatori.

WSN Développement annuncia che hanno presenziato alla fiera 48.684 visitatori nei giorni dal 22 al 25 gennaio scorsi. Un calo del 16% rispetto all’edizione di gennaio 2015, che allora aveva riscontrato una stabilità delle presenze. Nel dettaglio, il contingente francese che rappresenta i due terzi dei visitatori, ha visto diminuire il proprio numero del 12% circa, mentre la rappresentanza estera è calata del 22%.

Il numero di aziende rappresentate non è diminuito, e così gli organizzatori accreditano la tesi di una riduzione del numero di persone che componevano i team, soprattutto stranieri, venuti a Parigi. Le paure suscitate dall’attentato di novembre hanno infatti portato molte aziende, in particolare asiatiche, a inviare meno compratori. La presenza di visitatori provenienti dall’Asia è quindi diminuita del 25%, secondo WSN Développement.

Anche per valutare le presenze francesi (per i quali il calo è stato maggiore per chi veniva dalla provincia), l’organizzazione richiama l’impatto degli eventi di novembre, ma il contesto economico non può evidentemente essere scartato. Il salone, per cercare nuovi dettaglianti, punta allora ad ampliare il suo dispositivo “IDFashion”, costituito da alcuni treni TGV speciali con i colori della fiera che trasportano i professionisti di Marsiglia e di Aix-en-Provence e che la prossima stagione potrebbero servire anche delle nuove città.

In compenso, la presenza dei buyer VIP (key accounts o rinomati concept store) a Who’s Next–Première Classe è cresciuta, fanno sapere gli organizzatori, che indicano vi sia stata una “premiumizzazione” dei visitatori stranieri.

Sebbene i marchi presenti abbiano rilevato la grande professionalità di questi professionisti e non siano stati del tutto delusi dagli affari combinati, più spesso la qualità delle presenze in fiera è stata criticata, con un espositore che è arrivato persino a parlare di “declino” per un salone che “non riesce a riprendersi”. Sebbene non tutti gli espositori siano stati così severi, l’attesa, o forse la speranza, di una ripresa per la prossima edizione di settembre era espressa in modo quasi unanime fra gli stand.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Edizione difficile per Who’s Next–Première Classe: -16% di presenze";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.