Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

HoMi chiude con oltre 85mila visitatori. Gli stranieri il 20%

febbraio 1 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

HoMi, il salone degli stili di vita di Fiera Milano ha chiuso la sessione di gennaio 2017 con 85.115 visitatori professionali (+4,5% sulla scorsa edizione di gennaio), con un aumento significativo delle presenze dal Sud Italia, e con un 20% di operatori stranieri.

Un’edizione che ha messo in evidenza la crescente vocazione internazionale del Salone degli Stili di Vita: sono stati, infatti, circa 17.000 i compratori internazionali (tra cui anche quelli selezionati con la collaborazione di ITA-ICE) arrivati da 117 Paesi. Tra questi si segnala il ritorno della Russia, la crescita degli USA, la presenza di Giappone e India e, dall’Europa, di Francia e Spagna, precisa il comunicato ufficiale.

Con 1.500 espositori, di cui il 21% proveniente da 38 Paesi esteri (Spagna, Francia, Germania, India e Corea del Sud i più rappresentati) la manifestazione segna un’edizione particolarmente positiva che, a tre anni dalla nascita del nuovo format espositivo, si conferma in decisa crescita.

“I risultati confermano HoMi come una manifestazione consolidata, ben caratterizzata nella sua offerta merceologica e riconosciuta al centro della community del design e del mercato del lifestyle”, dichiara Roberto Rettani, Presidente di Fiera Milano. “Sono numeri che ci confortano e sottolineano la volontà di perseguire il percorso di crescita intrapreso”.

“HoMi di gennaio 2017 è andato molto bene. Un’edizione di successo, che consolida il lavoro che stiamo facendo e dimostra che stiamo andando nella direzione giusta”, aggiunge Christian Preiata, direttore della manifestazione. “Abbiamo aumentato il numero degli espositori, lavorando molto sulla parte internazionale, e sui settori che stanno crescendo, migliorandoli come impatto sia di qualità che estetico. Parlo dei settori fragranze, kids, outdoor e bijoux”.

“Abbiamo ri-presentato in maniera ufficiale in questi giorni l’Associazione del Gioiello Moda”, ha continuato l’Exhibition Manager. “sia al Ministero dello Sviluppo Economico che all’ICE, perché rappresenta è un settore molto rappresentativo con le sue 600 aziende iscritte, ospitate nei padiglioni 1 e 3 (erano 530 lo scorso anno). Queste aziende hanno bisogno di una direzione e HoMi vuole essere la piattaforma di business che faccia da agevolatore e coordinatore di queste realtà, spesso piccole e medio-piccole, che non hanno possibilità economiche per investire in una politica intensa di marketing, e che hanno trovato spazio nella nostra fiera perché Vicenza e Arezzo ormai hanno puntato maggiormente sul gioiello di alta gamma. Abbiamo avuto la presenza in fiera di buonissime delegazioni di buyer giapponesi, statunitensi e finalmente russi, tornati in gran numero”.

HoMi ha messo al centro le nuovi abitudini di consumo e grazie alla ricerca svolta da WGSN, società leader internazionale in ricerche e analisi di mercato, ha tratteggiato il profilo di un consumatore più consapevole, che non cerca prodotti da possedere, ma vuole identificarsi con ciò che sceglie.

“10 e lode a questa edizione” dice Giacomo Pieroni, Direttore Commerciale del marchio di gioielli in argento e oro Rue des Mille, alla seconda presenza in fiera, “Tanti buyer dal Sud Italia e dalla Spagna per noi. E abbiamo registrato ordini sia da clienti nuovi che consolidati”.

Anche loro presenti per la seconda volta a HoMi, per diversificare dalle fiere del gioiello e dell’oro di VicenzaOro e OroArezzo, i responsabili del marchio aretino di preziosi Eclat hanno apprezzato il fatto che la direzione di fiera abbia deciso di potenziare e dare sempre più visibilità allo spazio dedicato al bijoux all’accessorio in generale e al gioiello dando. “Sta diventando una fiera sempre più importante per il dettaglio. Più di Vicenza”, dice la responsabile commerciale della rete di agenti di Eclat, Marilena Biagianti. “Tantissima gente al salone, soprattutto domenica e lunedì. E’ il luogo dove si prendono spunti e contatti per inserire nuove aziende. Una bella vetrina, con tanti buyer esteri entrati nel nostro stand, soprattutto russi, un gradito ritorno, e tanti asiatici”.

L’appuntamento con la prossima edizione del Salone degli Stili di Vita è sempre a Rho Fiera Milano dal 15 al 18 settembre 2017.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="HoMi chiude con oltre 85mila visitatori. Gli stranieri il 20%";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.