Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Il Distretto vuol riaprire dopo Pasqua. La petizione di Rosati supera le 2.000 adesioni

aprile 8 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

Nuovo PCM, mettiamo al primo posto la sicurezza ma riavviamo presto le produzioni. Per il sistema confindustriale toscano, occorre rimodulare i settori strategici. Senza un graduale sblocco lo “stop produttivo” sarà difficilmente superabile anche nella nostra regione

Il sistema confindustriale toscano esprime forte preoccupazione per l’ulteriore blocco di tutte le attività produttive. Rimandare la riapertura delle aziende, indebolirà ulteriormente la tenuta del sistema economico regionale, già messa a dura prova dalla crisi e che, si stima, sta già perdendo 1,2 mld€ al mese di valore aggiunto.

Il presidente di Confindustria Toscana, all’unisono con i presidenti di Confindustria Firenze, di Confindustria Livorno Massa Carrara, di Confindustria Toscana Nord, di Confindustria Toscana Sud, dell’Unione Industriale Pisana sottolinea come la nostra sia una terra di filiere fortemente integrate, dove il blocco ha già comportato un fermo significativo delle attività industriali.

Uno stop che, in numerosi territori ha toccato punte del 90%, con un forte impatto sulla situazione delle aziende e sulla possibilità di ripresa.

Perché la recessione già in atto non si trasformi in una depressione dai costi sociali altissimi, con la perdita irreversibile di settori-chiave della nostra economia, il sistema confindustriale toscano chiede di riprogrammare in tempi rapidi la ripartenza del motore produttivo regionale, mettendo al primo posto la sicurezza dei lavoratori, ma rimodulando la stessa definizione di settore strategico.

“Per le aziende toscane lavorare in sicurezza è la priorità; la sicurezza dei nostri lavoratori viene prima di tutto: lo è sempre stata e lo sarà sempre” – dice il presidente di Confindustria Toscana Alessio Marco Ranaldo.

A garanzia della massima tutela dei lavoratori che operano nelle imprese attive, sono state sottoscritte con Regione e sindacati le linee-guida regionali. E le aziende toscane si sono dimostrate all’avanguardia nella sicurezza e tutela della salute dei lavoratori.

“Se le imprese sono in grado di assicurare ai propri dipendenti di operare in sicurezza – continua Ranaldo – dobbiamo iniziare a progettare una graduale ripartenza, anche attuando interventi ulteriori di protezione. Ed è pure necessario rivalutare il criterio dell’appartenenza a settori strategici, visto che quando ci dovremo far carico dei costi ingentissimi della ripresa, tutti i settori saranno strategici”.

Il lockdown che ha messo sotto scacco la manifattura toscana sta creando situazioni di forte difficoltà per molte aziende che rischiano di perdere quelle posizioni di mercato faticosamente conquistate negli anni in contesti estremamente competitivi.

Già adesso molte imprese hanno un calo delle commesse dovuto all’impossibilità di produrre e consegnare; più questa situazione si protrarrà nel tempo, più questo si accentuerà, aumentando le difficoltà della ripartenza. Inoltre, anche le imprese che ad oggi continuano ad operare, incontrano notevoli difficoltà di approvvigionamento, dovendo agire in contesto produttivo che conta oltre il 70% delle aziende chiuse.

Occorre cominciare a lavorare alla “fase due”, perché – come ha detto anche il Presidente Boccia – il motore economico si può fermare con un decreto, ma non può ripartire con un decreto. E’ necessario lavorare insieme, istituzioni e imprese, su una strategia per la ripartenza da varare con tempi industriali.

Intanto ha superato le duemila firme, la petizione  #il lavoro è salute, lanciata sulla  piattaforma charge.org da Roberto Rosati,  industriale titolare dello storico lanificio  Fortex, per sensibilizzare tutti sulla riapertura in sicurezza e in tempi brevi del distretto tessile pratese.

La proposta chiede al sindaco Biffoni (e per sua mano al governo) di riaprire le attività produttive il 14 aprile, dopo le festività pasquali.

Per supportare, firmare e lasciare le proprie opinioni: http://chng.it/9wD8zMr

#nowornever #oraomaipiu

http://chng.it/9wD8zMrv


 


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.