Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

La Camera Nazionale della Moda punta sul digitale

aprile 14 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

Il digitale per raccontare e valorizzare la storia e l’eredità della moda made in Italy: è questo il messaggio lanciato da Jane Reeve, Amministratore Delegato della Camera Nazionale della Moda, in occasione del suo intervento al convegno su “Made in Italy: re-use of fashion heritage and new digital perspectives” organizzato dal Victoria and Albert Museum, in collaborazione con Europeana Fashion, nel contesto della mostra The Glamour of Italian Fashion 1945 – 2014.

Nel corso dell’evento, focalizzato sul rapporto tra nuove tecnologie digitali e il patrimonio della moda italiana, Jane Reeve ha sottolineato come il digitale abbia creato innovative e innumerevoli opportunità di comunicazione, che rispondono perfettamente proprio all’esigenza di veicolare quella identità e quei valori che sostanziano da sempre i grandi player della moda italiana. Proprio questi brand, che nel frattempo si sono trasformati in veri e propri editori producendo contenuti sempre più sofisticati ed efficaci, sono stati tra i primi a comprendere le grandi potenzialità del digitale e ad utilizzarlo in modo strategico per sviluppare il proprio business, entrare in nuovi mercati e conquistare nuovi clienti.

Il digitale, strumento democratico per eccellenza, ha aperto innumerevoli opportunità per le organizzazioni medio-piccole e in particolare per i giovani designer, che in molti casi l’hanno integrato nella loro strategia, quale strumento privilegiato di visibilità e comunicazione, puntualizza la Camera della Moda in un comunicato.

Allo stesso modo il digitale consente anche ai piccoli artigiani, che costituiscono un elemento essenziale e distintivo del Made in Italy, di emergere e di divenire attori di rilievo in uno scenario globale. Grazie all’e-commerce e all’impatto sul retail inoltre, il digitale ha un ruolo fondamentale per le aziende del settore e la crescita del sistema della moda italiana.

Per questo Jane Reeve ha evidenziato come “il digitale rappresenta una leva strategica per fare sistema tra tutti i player della filiera della moda italiana e contribuire all’evoluzione della reputazione del made in Italy. Un mezzo ideale per sviluppare sinergie, diffondere cultura e valorizzare l’intero sistema moda italiano generando benefici a tutti gli attori della filiera”.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="La Camera Nazionale della Moda punta sul digitale";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.