Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Le tendenze di Pitti Uomo

gennaio 13 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

Tendenze _ AVANT-GARDE

SEZIONI: Futuro Maschile, Touch!, L’Altro Uomo, The Latest Fashion Buzz, Unconventional


LA SPIA CHE VENNE DAL FREDDO

La metropoli intesa come nuovo playground per un sofisticato esploratore cosmopolita. È un gentleman dinamico, l’uomo avant-garde del prossimo inverno: indossa l’abito come una seconda pelle, e fa propria l’esigenza di comfort e qualità senza che l’eleganza ne venga compromessa. L’attitudine fashion si fonde con l’aspetto performance in un guardaroba di capi outdoor dalla silhouette essenziale. Outfit in grado di fronteggiare ogni clima e contesto, dove i tecno tessuti si modellano secondo un design contemporaneo e ogni dettaglio possiede una funzione. Affrontare le condizioni meteorologiche avverse diventa un fatto di stile, su pezzi nati dal dialogo costante tra forma e texture, proiettati al futuro ma con un ricco passato alle spalle. Eclettici per composizione e architettonici per struttura, accostano maglieria e tessuti tecnici, inflessioni workwear e finiture tailoring: perfetti per il viaggio, spesso sovrapponibili e scomponibili, talora unisex. Parka in microfibra giapponese, in cotoni wind e waterproof o tessuti cerati e gommati, giacche in piuma reversibili, indossabili autonomamente oppure come fodera interna, field jacket in cotone lavato e teflonato con trattamenti idrorepellenti e antimacchia. Immancabile la giacca utility ispirata ad atmosfere da montagna, multi-tasche ed effetto cocoon.

L’ANIMA ANARCHICA DEL NUOVO LUXURY UNDERGROUND

Ondata di dissonanze estetiche e spirito iconoclasta per manifesti programmatici di un nuovo stile luxury underground. Il superamento degli stereotipi di genere e l’attitudine irriverente è ideale fil rouge in collezioni che accostano matrice grintosamente street e vocazione esclusiva. L’espressione dell’individualità diventa protagonista per label che fieramente si dichiarano “Fearless, Independent and Original”. La filosofia del cut & paste guida la giustapposizione di influenze diverse: dal military allo streetwear di provenienza british o statunitense, dal rock’n’roll al punk. Referenze ricercate e talora improbabili, per un guardaroba composto di tees oversize e felpe con lettering o grafiche di rottura, field jacket senza maniche, lunghe camicie slim fit oppure ridisegnate in stile biker, accostate al trench coat oversize cerato o laminato oppure al chiodo nero in panno e pelle matelassé con fibbie e cerniere, su pantaloni skinny o tubolari. Mix materici, prevalenza del total black, dettagli hi-tech, il tutto riletto all’insegna di una vestibilità decontracté, che lascia nell’indistinto le nozioni di femminile e maschile. Ai piedi, accanto a creepers e trekking shoes, primeggiano urban sneakers di nuova generazione: alte e basse, con inserti in pelle, hidden zip, cuciture a contrasto, in versione black, white o gold.

SNEAKERS, PURO LIFESTYLE

Sneakers come espressione di lifestyle, realizzate in edizione limitata dalle mani di esperti artigiani, declinate in una vasta gamma di altezze: da Low a Super High. Coniugano arte moderna e graffiti writing, si presentano come scarpe di carattere dalla suola massiccia, disarmonico coacervo di inflessioni dandy e inclinazioni punk. Con un’anima sfacciatamente postmoderna e un altrettanto fiero heritage, collezioni footwear sperimentali, essenziali, funzionali. Pezzi unici esclusivi che intersecano know-how calzaturiero, riflessione sociale e dettagli sofisticati come zip asimmetriche, suole vibram, elementi vintage e pellami come yak e cavallino, spesso declinandosi in una palette minimale di grigio, nero e bianco.

 

Tendenze _ INFORMALE

SEZIONI: I Play, Urban Panorama, My Factory

ÜBER OUTDOOR TECHNOLOGY

Multi stagionalità e layering, tecnicità e coibenza termica sono leitmotiv di stagione per l’outfit dell’uomo sportivo che vive da protagonista la passione per l’outdoor. Capi ingegnerizzati per essere indossati sovrapposti o meno, mantenendo un fit confortevole e una linea definita: impermeabili, antivento, traspiranti e idrorepellenti, dall’interno imbottito e staccabile. La ricerca si applica allo sviluppo di imbottiture termiche, scoprendo alternative a ovatta e piuma d’oca che garantiscono la medesima leggerezza e superiori proprietà isolanti. Tessuti dal look laniero ma con composizioni tipiche di tecno tessuti, lavorazioni pinpoint proposte in abbinamenti attuali come blue/black, brown/black e check grey/black. Un guardaroba di pezzi più ricchi nelle strutture e nei dettagli che giocano con l’utilizzo delle lane abbinate a nylon opachi o stampati. Focus su parka, trench e bomber jacket, oltre a camicia, felpa e zaino che combinano lane di qualità superiore e tecnologia altamente performante. E ancora, caldi piumini reversibili dai colori a contrasto, trench parka – nuovi ibridi del parka militare – in cotone lavato e teflonato water repellent e antimacchia, blazer arricchiti con pettorina antivento staccabile.

IL GUARDAROBA DELL’UOMO URBAN, UN ECLETTICO MIX DI TEXTURE

Trench, giacche e pantaloni in denim pensati per moderni artisti rivoluzionari, impreziositi da patch in tessuti pregiati e lavaggi con effetti vintage. La novità del guardaroba urban sta nell’introduzione di lane e cotoni tinti in capo, jersey, tessuti tartan, mixati tra loro e con il denim per un moderno sapore vintage. È un look che impone una stratificazione di capi, dove tessuti old style come chevron e principe di Galles si abbinano al forte intervento del denim e a texture bicolor e mano pelle, oppure a effetti bagnato/cerato. Capi iconici il bomber, il giubbino biker con imbottiture e dettagli matelassé e i pantaloni in pelle, mescolati in look componibili. Il denim è un coacervo di inflessioni vintage, passione per il design giapponese e lavaggi straordinari.Tele dai toni scuri, blue black, black e grey si declinano con trattamenti raw e soluzioni ispirate allo sport tecnico. Si riconferma il trend della gamba skinny, anche in versione carrot fit. Grande utilizzo di materiali stretch e super stretch, anche sui pant di ispirazione jogging.

ICONE CITY PROOF, LE NUOVE BORSE

Nuove icone di mobilità urbana, ottimizzano funzionalità e design, leggerezza e resistenza. Sono borse dalle linee essenziali, rese impermeabili al 100% da spalmature e tecnomateriali, multipocket e chiuse da cerniere pressofuse. Interni razionali progettati per la massima efficienza, esterni valorizzati da finiture gommate, zip idrorepellenti a scomparsa, spallacci regolabili e tracolle removibili. Perfette per i nuovi biker, garantiscono minimo peso e buona capacità di alloggiamento di tutti i devices. Fedeli alleate city proof, sono ideate per proteggere integralmente il proprio contenuto anche su strada. Vestono colori accesi per illuminare la giungla metropolitana: dall’arancio al blu, rosso, verde, spesso in abbinamento al classico nero. Oppure sono animate da tessuti e pattern innovativi, che utilizzano la tecnica di accoppiatura del tessuto all’anima in neoprene. Tecno accessori rivestiti in lana misto cachemire e fantasie di gusto anni ’80, Principe di Galles o con grossi check di tradizione brit. Scelgono, a seconda delle occasioni, il volume contemporaneo dello zaino, della briefcase, della messenger e della tote.

 

Tendenze _ CLASSICO

SEZIONI: Pitti Uomo, Make, Pop Up Stores, Pop-Eye

CASUAL LUXURY & INFORMAL CHIC

Urbano, maschile e informale chic: segni particolari del guardaroba maschile FW 2015-16. Un look sharp, pulito e slim fit, dove l’allure di lusso rilassato deriva dal connubio di influenze sportswear e know-how sartoriale. Mix di materiali: le lane si accostano alla pelle e al nylon, per un aspetto contemporaneo, la seta incontra il cashmere per un comfort assoluto. Nascono così innovative proposte di giacche e cappotti che coniugano tessuti sportswear high-end, anima luxury e dinamismo metropolitano. E ancora, tessuti dalle mani mosse diventano capispalla perfetti per vivere all’aria aperta. Giacche e pantaloni dalla vestibilità asciutta scelgono morbidissime lane a quadri grandi e piccoli, puntando su abbinamenti inusuali. Focus su lane pregiate, da classici quali flanella cardata e cover mouliné a nuovi e più leggeri pesi di lane stretch, fino a temi di micro e macro fantasie a colori rivisitate con trame jacquard, stampe e ricami. Un lusso caldo e sensoriale fatto di filati mossi, tessuti bouclé, bottonati ed effetti dalla mano corposa, che conferiscono movimento ai capi.

WINTER IN ASPEN

Per gli inverni più rigidi, gli outfit raccontano un viaggio verso orizzonti alpini all’insegna del Mountain Chic: da Aspen a St.Moritz, destinazioni internazionali vissute tra relax, sport all’aria aperta, design e la tradizione di accoglienti chalet. Uno stile che ha tra i suoi capi di punta piumini in soffice pelle d’agnello con inserti in pelliccia, maglieria in puro cachemire, accanto a parka waterproof traspiranti in cotton canvas dalle forme over, Montgomery rivisti in chiave multipocket e sfoderati con interno staccabile, giacconi e down jacket double in nylon e lana dalle stampe originali. Capi che prendono spunto dal mondo Country e del grande freddo, dove tessuti lanieri dall’aspetto raw incontrano pelli di montone, pelle stampata cervo, flanelle denim e nylon imbottito e/o trapuntato, in un mix di straordinaria ricchezza.

DANDY PRESI PER IL COLLO

Un’eleganza senza formalità, talora riletta in versione Brit: ad ogni uomo il suo papillon – nuovo must-have – e, perché no, la sua pochette. Di fattura artigianale, accessori indossati con nonchalance si accendono di stampe e scelte cromatiche ricercate, in studiato pendant con i colori delle giacche. Pochette che fondono l’unito al pois o al Principe di Galles, dai colori caldi e melangiati; cravatte e papillon che vivono di uniti e falsi uniti, oppure vestite di tartan reinterpretato. I materiali sono preziosi: lino, cotone, cachemire, maglia, flanelle leggere e alpaca per le cravatte e i papillon; lana leggera o associata alla seta per le pochette. E ancora, la sciarpa sottile in seta diventa la nuova cravatta da sera. Bentornato Dandy.

ENGLISHMAN IN NEW YORK

Un’eleganza spettinata che guarda alla Swinging London e unisce essenzialità del British style, ricercatezza del Made in Italy e aspirazione contemporanea al comfort.  Baluardo di stile che non lascia indietro la funzionalità, scarpe disegnate per il businessman 3.0 che attraversa la City. Stringate rifinite a mano in pellami esclusivi scoprono inedite sfumature di colore, riflessi e toni diversi sulla tomaia, mentre alte suole in gomma extralight regalano alla camminata un’esperienza super soft. Tecniche e dettagli dell’artigianalità – anticature, costruzioni – diventano elementi di design sulla Francesina, sulla Derby bicolore dalla punta orgogliosa o sul tronchetto allacciato dalla linea pulita. Vitelli lisci o martellati, anticati o spazzolati, si affiancano al vitello scamosciato stampato, alla nappa e al cervo. Immancabili, sempre, i pregiati coccodrillo e struzzo. I colori must di stagione: il prugna, l’uva e il muschio, accanto al nero metal.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Le tendenze di Pitti Uomo";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.