Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Macchine tessili: ordini in crescita nel II trimestre grazie all’export

luglio 31 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, News, Prato

La raccolta ordini di macchine tessili nel secondo trimestre dell’anno mostra una crescita  grazie alla domanda proveniente dai mercati esteri. Raffaella Carabelli, Presidente di ACIMIT: “Bene l’estero, ma ancora preoccupati per la scarsa domanda del mercato interno”.

Nel secondo trimestre del 2014 l’indice degli ordini di macchine tessili, elaborato dall’ufficio studi di ACIMIT (l’Associazione dei Costruttori Italiani di Macchine per l’Industria Tessile), ha registrato un aumento del 6% rispetto al trimestre precedente, per un valore assoluto pari a 86 punti (base 2010=100).

La crescita degli ordini si è verificata tutta sui mercati esteri, dove nel periodo aprile-giugno l’incremento è stato dell’8% e l’indice si è attestato su un valore di 92,1 punti. Sul mercato interno nel secondo trimestre si è verificato un arretramento nella raccolta ordini (-9% sul trimestre precedente), dopo un inizio di anno che appariva più dinamico.

Dopo il primo trimestre non molto positivo, commenta il Presidente di ACIMIT, Raffaella Carabelli, la domanda estera appare più vitale. Lo abbiamo verificato anche durante la recente edizione di ITMA Asia, la fiera di settore che si è svolta a giugno a Shanghai. I molti contatti registrati, non solo cinesi ma anche provenienti da altri Paesi del Sud Est asiatico, testimoniano la volontà di far ripartire gli investimenti in quell’area così importante per il nostro settore”.

Anche i dati ISTAT relativi all’export italiano di macchine tessili elaborati da ACIMIT hanno evidenziato per il primo trimestre dell’anno un +9% rispetto al 2013. Le vendite italiane sono ancora in flessione sia in Cina (-3%) che in India (-13%), ma nel resto dei principali mercati si evidenzia un incremento: Turchia (+24%), Stati Uniti (+46%), Bangladesh (+37%).

Non sono invece incoraggianti i dati provenienti dal mercato interno, dove il confronto con il trimestre precedente è deficitario. “Dopo un avvio del 2014 carico di speranze, prosegue Carabelli, gli investimenti nel settore tessile in Italia sembrano essere al palo. L’introduzione della nuova Legge Sabatini, aggiunge il Presidente di ACIMIT, non ha fornito la spinta prevista per la ripartenza degli investimenti, come riscontrato negli altri settori. Alla filiera tessile–abbigliamento occorrono interventi più mirati, frutto di una riflessione di tutti gli attori della stessa. Confidiamo, però, che la prossima ITMA, la principale manifestazione del settore che si svolgerà a Milano dal 12 al 19 Novembre 2015, possa servire da volano per una crescita di tutta la filiera”.

A proposito di ITMA 2015 si deve sottolineare che ad oggi sono 336 i costruttori italiani che hanno confermato la loro partecipazione, segnando un +32% in termini di superficie, rispetto alla precedente edizione, svoltasi a Barcellona nel 2011.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Macchine tessili: ordini in crescita nel II trimestre grazie all'export";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.