Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Milano Unica chiude con 21.800 visitatori la 19^ edizione

settembre 12 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Como, Eventi, News, Prato

La XIX edizione di Milano Unica, il Salone Italiano del Tessile, a cui hanno partecipato 410 espositori, di cui 74 europei, e nella quale sono state presentate le collezioni di tessuti e accessori per la stagione Autunno/Inverno 2015-2016, ha confermato le aspettative della vigilia e ha confermato il valore aggiunto dell’agire come sistema da parte di molti soggetti che hanno, a vario titolo, la responsabilità della promozione del ‘Made in Italy’ nel mondo. Una sinergia tra attori del comparto al cui successo ha contribuito anche la concomitanza strategica di Lineapelle, che si svolge per la prima volta a Milano, nel quartiere fieristico di Rho, da 10 al 12 settembre.

Milano Unica, in chiusura l’11 settembre, ha registrato 21.800.visitatori, un numero leggermente superiore a quello dell’edizione del settembre 2013 (21.600 visitatori), che era risultato in crescita del +6,55%. Sostanzialmente in linea con la precedente edizione anche il numero di aziende presenti. In entrambi i casi in leggero calo la partecipazione italiana (-0,5%) e in leggero aumento le presenze internazionali (+1%).

Tra le presenze straniere numericamente più significative sono da segnalare in crescita quelle di: India (+38%), Giappone (+44%), Turchia (+28%), Paesi Bassi (+7,5%), USA (+6,55%) e Spagna (+6%). Stabili quelle del Regno Unito, Germania e Francia, mentre in leggero calo le presenze della Cina (-4%). In flessione: Corea del Sud (-41%), Federazione Russa (-21%) e Hong Kong (-18%). Dati che ricalcano a grosso modo l’andamento delle esportazioni italiane nella prima parte del 2014.

“L’andamento delle presenze – sostiene Silvio Albini, Presidente di Milano Unica – conferma due convinzioni su cui Milano Unica si sente fortemente impegnata. La prima è che il futuro è nella capacità della tessitura italiana ed europea di stare ancor di più nel mondo. La seconda è che l’Europa deve diventare il nostro mercato domestico. La strada è ancora lunga e accidentata, ma confido che le nuove Istituzioni, in primo luogo il Parlamento Europeo e la Commissione Europea, formatesi a seguito del voto della scorsa primavera, sappiano farci fare dei passi avanti a difesa e sostegno della manifattura continentale, a partire dal riconoscimento del ‘made in’ per le merci provenienti dai Paesi extra-UE. L’esposizione dedicata alla filiera del capo lavato “Denim Italiano – Italian Denim Makers”, la presenza di ‘Osservatorio Giappone’, che ha ricevuto un’ottima accoglienza confermata dai dati dei visitatori, la sinergia con Lineapelle, tornata a Milano dopo molti anni, hanno confermato la capacità di Milano Unica di essere un imprescindibile strumento di marketing non solo per il settore tessile. Un ruolo che ci è stato autorevolmente riconosciuto anche dal Ministero dello Sviluppo che, su iniziativa del Viceministro Carlo Calenda, ha deciso di stanziare a nostro favore quasi due milioni di euro fino alla Primavera del 2016”.

“Assieme al buon risultato in termini di contatti, manifestatomi da tantissimi espositori – continua il Presidente di Milano Unica –, voglio sottolineare il successo della bellissima serata in Corso Como 10 e proseguita a Eataly. L’originale presentazione di ‘On Stage’, l’iniziativa in collaborazione con Woolmark, che punta a far dialogare le eccellenze della nostra produzione tessile con i migliori stilisti emergenti della scena internazionale, è risultata, a giudizio di tantissimi ospiti, davvero efficace. Un successo completato dal generale apprezzamento per l’ospitalità riservataci da Oscar Farinetti che, in un ambiente straordinario, ha fatto gustare ai nostri ospiti le tantissime ed eccezionali prelibatezze del food Made in Italy, frutto anch’esse di una tradizione culturale che non ha paragoni al mondo. Voglio infine ancora una volta ringraziare per il loro prezioso contributo Agenzia ICE, SMI, The Woolmark Company, DHL e Banca Sella”.

Un bilancio sicuramente positivo anche secondo Massimo Mosiello, Direttore Generale di Milano Unica, alla guida operativa della manifestazione tessile-accessori sin dalla prima edizione, soprattutto se si tiene in conto lo tsunami che negli ultimi 5 anni ha colpito l’industria del tessile-abbigliamento Made in Italy. “Si è trattato di un’edizione con tante innovazioni e proposte che ci hanno insegnato molto, per fare ancora di più e meglio in futuro. Intanto cominceremo a farlo già a partire dalla sesta edizione di Milano Unica China, che si svolgerà a Shanghai dal 20 al 23 ottobre 2014, che vedrà la partecipazione di 127 espositori, accompagnata da un evento straordinario a cui parteciperà l’étoile del Teatro alla Scala, Roberto Bolle. L’appuntamento per la prossima edizione, che presenterà le collezioni Primavera/Estate 2016, sarà, dal 4 al 6 Febbraio 2015, ancora al Portello di Fieramilanocity”, conclude Mosiello.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Milano Unica chiude con 21.800 visitatori la 19^ edizione";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.