Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Pitti Filati 77: le tendenze

luglio 6 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Carpi, Como, News, Prato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rigenerazione sotto il segno dell’artigianalità. Un nuovo approccio umanistico al lusso

L’ispirazione corre sul filo del concetto di manualità e artigianalità, per riprendere una storia antica, dove ogni “oggetto” aveva e acquisiva un valore nel tempo. Questo nuovo approccio umanistico al lusso, dalla forte posizione etica, sottolinea l’interazione personale e l’integrità nei processi produttivi. Attraverso l’artigianato e la semplice purezza delle materie nascono filati come pezzi unici. Un lusso ridefinito: nuovi pesi apparentemente pesanti ma leggeri, superfici mosse per cambiare il touch; intrecciare e stravolgere elementi, modificandoli attraverso un’eleganza pacata e la perfezione della mano. Il filato si recupera, si restaura e questo lo rende unico. L’idea è quella di rigenerare dal mondo naturale un uso nuovo dei colori e delle texture, in un assemblaggio libero di materiali inediti. Filati fantasia su base scura, filati semplicemente lanosi, opachi e compatti; superfici delicatamente testurizzate ma dall’aspetto protettivo ultra light; complicazioni di cotone, lana “spolverata” e “dissolta” nel nylon, materiali lisci abbinati a superfici più secche per creare contrasti. Il gusto per maglie decostruite e la giustapposizione di materiali differenti vive su maglioni fatti a mano e ricamati come in un collage,  manifestandosi con tutta la forza della tradizione. Il viaggio attraversa la storia, per creare abiti ispirati a materiali animali dalle proprietà termiche, e rustici tessuti cerati adatti ad un ambiente estremo come quello polare.

Il nuovo volto della lana. Per una maglia Total Easy Care

Per vestirsi di nuovo, la lana diventa sinonimo di tecnologia e di innovazione: base di filati altamente performanti, permette la realizzazione di una maglieria Total Easy Care, fresca sulla pelle, ideale per soddisfare le necessità della clientela più esigente. Puntando sulle interessanti proprietà legate alla termoregolazione, lana e poliammide convivono, dando origine a fili dinamici e contemporanei, declinati in una gamma di colori luminosi e specificatamente pensati per realizzare maglie eleganti o effetto active. Oppure la dolcezza e la lucentezza del mohair si sposano con la concretezza della lana, generando filati lievi e impalpabili come l’aria, anima di capi eterei ed iperfemminili. “Contaminato” da lana e fibre diverse quali viscosa, seta e nylon, il cashmere rinasce in una visione dinamica, su felpe che presentano qualità elastiche  ed  epidermiche, umanizzate, dal tatto sublime tipico della fibra pregiata. E ancora, mischie di lane cardate dall’aspetto giovane e sportivo, filati di tendenza d’ispirazione inglese, mischie lanose per filati pettinati, lineari e scolpiti che spaziano dal titolo più sottile all’aspetto più rotondo. Da un’insolita combinazione fra componenti e strutture nasce il nuovo volto dell’alpaca, tutto da scoprire: filati mossi e leggeri, complementari e diversi. Un rigore più tradizionale nell’approccio alla lana trasforma la maglia in panno compatto, pronto per realizzare morbidi capi spalla e cappottini leggeri.

Il gioco onirico dei volumi soffiati

La novità è il volume della materia che, gonfiandosi, assume un aspetto tridimensionale. Maglie che diventano creature fiabesche con piumaggi sorprendenti, ideate per chi desidera vivere in un mondo che integra il sogno nel quotidiano. Le pellicce di mohair diventano sfere di pelo morbidissime, create per donne dallo stile indipendente. Volumi soffiati di pura fibra di lana e fiammette esuberanti danno vita a maglie che assomigliano più a nuvole che a materia. Delicati e graziosi indumenti in mohair assecondano il bisogno di sognare, passando dal funzionale al  fantastico, dall’efficiente al prezioso, dal sexy all’ingenuo. Avvolgenti abiti in maglia dall’aspetto antico, ricchi di pizzi e rouches, realizzati con garze di mohair superfini. Ricchi tessuti d’altri tempi, rievocati da garze di mohair abbellite da sottili sfumature in degradé e raffinate fiamme. Le fibre nobili come lo yak, il cammello e l’alpaca si ispirano alla bellezza fuori dal tempo delle  popolazioni degli altopiani Himalayani.

L’oscurità del nero, sfondo perfetto per il colore

Nella gamma colori, il nero è come un mantello che si fa da parte per rivelare il colore sottostante; i grigi esprimono il desiderio di invisibilità, spesso interrotto da voglia di originalità e ribellione. Il nero è una cornice per i colori, il grigio li unifica: entrambi sono il focus di stagione. Dall’oscurità del nero emergono i toni più luminescenti del mood invernale: il contrasto evidenzia come i colori risplendano nell’oscurità. I grigi solidi e caldi gettano ombre spettrali e confondono la realtà dei pastelli brillanti. Una combinazione sorprendente di toni si sviluppa intorno al rosso, potente simbolo di personalità, passione e amore. Altri colori ricordano invece la necessità costante di equilibrio e temperanza. Non manca il richiamo alla natura e ai suoi colori, rassicuranti ma con un tocco prezioso: dalla raffinatezza del marrone chiaro e dei toni naturali dei legni nordici, che infondono calma, fino alle tonalità più calde che ricordano le spezie.

Minimo indispensabile

Il forte richiamo al mondo del “fatto a mano” è impulso per le nuove collezioni di filati da aguglieria. È il gusto di riscoprire l’arte di una maglieria intima, unica: i filati sono espressione di fantasia, materia, tridimensionalità e ricerca. Mani che si muovono, intrecciano il filato con attenzione, con scrupolosità e bellezza, sperimentando punti maglia unici. L’evoluzione punta a creare nuovi filati, partendo da fibre in stoppino e non da filati base, con l’obiettivo di esaltare al massimo la leggerezza. Collezioni dove l’artigianalità incontra tecnologia, scienza e sperimentazione. I filati presentano forme ingigantite, strutture innovative e azzardi materici che invitano a partire con una valigia in cui ferri e gomitolo sono lo strumento per percorrere il viaggio.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Pitti Filati 77: le tendenze";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.