Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Split payment e la burocrazia per l’erogazione dei finanziamenti preoccupa Confindustria Toscana nord

giugno 13 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

Sul tema della liquidità delle imprese gli industriali aprono due fronti: La richiesta di proroga dello split payment che il Governo avrebbe avanzato a Bruxelles e i timori di rallentamento nelle procedure di erogazione dei finanziamenti garantiti dallo Stao.

“Se veramente sarà confermata, la richiesta di proroga che il Governo avrebbe avanzato in Europa, sarà l’ennesima prova che invece di voler aiutare le imprese si fa di tutto per farle chiudere soprattutto in questo momento”, dice senza mezzi termini il Presidente di Ance Toscana Nord, Stefano Varia. “Se questo è lo spirito che anima il Governo negli Stati generali dell’economia che si aprono domani allora non c’è da stare tranquilli”, commenta ancora. “Sono anni che ci battiamo per l’eliminazione di una norma ingiusta che drena 2,5 mld all’anno alle imprese con la scusa che si vuole combattere l’evasione: balle! Serve solo
per fare cassa e subito a danno di tante imprese oneste”.

Infatti, con l’entrata in vigore della fatturazione elettronica, che consente di controllare in modo capillare i versamenti, è venuta meno anche la motivazione originaria che aveva spinto 5 anni fa il legislatore ad adottare questa misura che peraltro a detta di Bruxelles doveva e poteva avere solo carattere temporaneo.
Inoltre, visto che l’Italia è fanalino di coda dell’Ue per rimborso Iva (63 settimane di media contro quella europea di 16) significa che le imprese dovranno aspettare anni per riavere il proprio credito. “E’ evidente che si vuol far pagare ancora una volta alle
imprese i costi sostenuti dallo Stato: con una mano ci promettono liquidità, peraltro in tempi lunghi e in modo non efficiente, e con l’altra ce la tolgono subito”. “Una decisione”, aggiungono i due Vice Presidenti Alessandro CafissiOrnella Vannucci, “che appare del tutto in contrasto con quanto previsto anche nei programmi elettorali delle forze di maggioranza e dal Premier stesso in tutte le occasioni pubbliche e di fronte alla quale non siamo disposti a stare con le mani in mano”.

Per le imprese che stanno affrontando con coraggio questa durissima crisi rappresenterebbe infatti “una mazzata finale ingiustificata e peraltro illegittima. Ci chiediamo come l’Europa potrà approvare l’ennesima proroga di una misura che doveva già
essere accantonata da tempo: di questo passo non resterà in piedi un’impresa in grado di costruire infrastrutture!”

A Lucca, Pistoia e Prato in aumento i finanziamenti coperti dal Fondo Centrale di Garanzia, ma si temono nuovi rallentamenti

Nelle ultime due settimane si è registrata una consistente impennata dei finanziamenti concessi alle aziende di Lucca, Pistoia e Prato con garanzia del Fondo centrale, raggiungendo un totale di 525 milioni di euro. Una somma, questa, che include sia i finanziamenti sotto i 25.000 euro, coperti interamente da garanzie pubbliche, sia quelli superiori, di particolare interesse per l’industria; il calcolo riguarda i finanziamenti erogati con gli strumenti previsti dai decreti Cura Italia del 17 marzo e Liquidità dell’8 aprile.
Quelli sull’andamento dei finanziamenti concessi alle aziende sono calcoli condizionati da tanti fattori: effettiva operatività di strumenti teoricamente già attivi; subentro di cambiamenti normativi che rimescolano le carte; maggiore o minore efficienza degli istituti erogatori; andamento delle domande stesse presentate delle aziende, che a sua volta dipende non solo dalle necessità reali ma anche scelte legate alla lettura che le aziende danno della situazione contingente dell’erogazione di credito e di aspettative di cambiamento.
L’andamento dei finanziamenti pertanto non può essere assunto come un indicatore automatico né di una tendenza economico-finanziaria né dell’efficienza nella valutazione ed evasione delle domande; peraltro è possibile che pratiche particolarmente lunghe siano giunte a maturazione negli ultimi giorni dopo un avvio che si può collocare anche molte settimane fa. Tuttavia confrontando i dati al 24 maggio (quindi a poco più di un mese dall’effettiva operatività degli strumenti previsti dai decreti Cura Italia e Liquidità) con quelli all’8 giugno si nota come nelle due settimane 25 maggio-8 giugno si addensi una quota dei finanziamenti che, come media delle tre province Lucca-Pistoia-Prato, sfiora la metà dell’intero periodo. Il riferimento è alle imprese di tutti i settori e ai soli finanziamenti coperti dal Fondo Centrale di Garanzia, ai quali si aggiungono quelli con garanzia Sace.

“I dati sui finanziamenti che emergono dal Fondo Centrale di Garanzia si prestano a varie interpretazioni – osserva il presidente di Confindustria Toscana Nord Giulio Grossi -. In ogni caso è certo che qualcosa si è sbloccato nel meccanismo inizialmente inceppato di concessione del credito per il Covid-19. Lucca da questo punto di vista si segnala per una progressione particolarmente accentuata: se l’ammontare dei finanziamenti concessi al 24 maggio sfiorava i 104 milioni, all’8 giugno eravamo a quota 215 milioni, come dire che più della metà del totale si colloca nelle ultime due settimane. Elevata la progressione sia delle domande che dell’ammontare dell’importo medio, passato da 34.000 a 44.000 euro per il totale dei finanziamenti e da 222.000 a 356.000 euro per quelli superiori ai 25.000 euro. L’auspicio è che non si manifestino nuovi rallentamenti a seguito delle modifiche intervenute in sede di conversione in legge del decreto Liquidità. Modifiche positive, dato l’aumento degli importi garantiti al 100% e della durata di tutti i finanziamenti, ma tali da generare nuovi eccessi di burocrazia per la gestione delle novità intervenute, nonostante sia stata finalmente introdotta l’autocertificazione di molti dati. Chiediamo che questi meccanismi vengano disinnescati quanto prima: le imprese hanno bisogno di denaro qui e ora, non in un futuro indeterminato.”

“Nel periodo 25 maggio-8 giugno l’andamento dei finanziamenti garantiti dal Fondo Centrale ha visto un’accelerazione anche su Pistoia – aggiunge il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Daniele Matteini -. Sui 130 milioni concessi nell’intero periodo, 60 milioni si collocano negli ultimi 15 giorni; anche nell’area pistoiese si registra un incremento dell’ammontare medio, che passa da 34.000 a 38.000 euro per il totale dei finanziamenti e da 239.000 a 304.000 euro per quelli superiori ai 25.000 euro. L’incremento dei finanziamenti nelle ultime settimane va salutato come un segnale positivo: si saranno di certo disincagliate pratiche di lungo corso ma comunque dalle aziende continua a emergere un bisogno di liquidità che, se conferma gli effetti disastrosi della pandemia, indica anche la volontà di rimettersi in gioco. E’ fondamentale che ora si proceda senza ulteriori intoppi. Le modifiche al decreto Liquidità vanno nel senso di quanto richiesto dalle aziende: bene che il tetto per le coperture statali sia passato da 25.000 a 30.000 euro, previo via libera che si sta attendendo dall’Unione Europea anche sull’introduzione dell’autocertificazione, e positivo l’aumento della durata dei finanziamenti da 6 a 10 anni. Questo però ha imposto a sua volta dei cambiamenti su vari versanti, dai software alla modulistica. Problemi comprensibili, purché non si traducano in nuovi eccessivi ritardi.”

“La situazione di Prato si colloca esattamente in linea con il quadro generale delle nostre tre province – conclude il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Francesco Marini, che ha anche la delega per il credito -. Oltre 90 milioni di finanziamenti coperti dal Fondo centrale di Garanzia al 24 maggio, altrettanti nelle successive due settimane; consistente l’incremento dell’importo medio del totale dei finanziamenti, passato da 46.000 a 56.000 euro, mentre per quelli superiori ai 25.000 euro si è passati da 280.000 a quasi 400.000 euro. Dati, questi, che, messi a confronto con quelli più contenuti delle altre due città dove commercio e terziario sono maggiormente presenti, può far pensare a una fruizione particolarmente significativa da parte dell’industria. I cambiamenti normativi sui tetti dei finanziamenti coperti al 100% e sulla durata sono giusti ma non impositivi: alle banche è data facoltà di avvalersene o meno, introducendo delle discrezionalità pericolose sia in sé sia come potenziali nuove fonti di rallentamento, che si sommano all’onere a carico delle banche stesse di verificare il merito creditizio dei finanziamenti superiori ai 30.000 euro. E’ importante che le aziende siano preparate a gestire questi passaggi. Stiamo affiancando i soci perché lo facciano al meglio: un errore può voler dire ritardi anche molto pesanti. Ma occorre che anche il sistema bancario si adoperi per snellire e velocizzare i processi.”

In foto: Al centro, il Presidente di Ance Toscana Nord, Stefano Varia con i Vice Presidenti Ornella Vannucci (Pistoia) e Alessandro Cafissi  (Prato)

 


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.