Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Tessile-casa: il bilancio del 2013 e i primi mesi del 2014

settembre 14 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

Secondo i dati elaborati da Sistema Moda Italia, nel 2013 l’industria del tessile-casa nel nostro Paese ha generato un fatturato di 1,01 miliardi di euro, in calo del 4,7% rispetto al 2012, soprattutto in seguito alla stasi del mercato interno. Per il quarto anno consecutivo, l’export è aumentato (+2,5%), portandosi a 364 milioni.

Il peso delle esportazioni sul totale dei ricavi settoriali è salito al 36%, quando nel 2009 era del 26%. Nel 2013 anche le importazioni sono tornate in terreno positivo, mettendo a segno un +5,7%. Il saldo commerciale resta negativo per circa 240 milioni di euro.

In base ai dati Istat disponibili a oggi, nei primi quattro mesi del 2014 il flusso di merci italiane del settore verso l’estero è stato stabile (-0,3%) sull’analogo periodo del 2013, con un +0,9% verso l’area Ue. Il -7,6% in Francia e il -1,1% in Germania sono stati controbilanciati dal +7,5% della Svizzera, dal +10,4% della Spagna e dal +6,9% del Regno Unito. I Paesi extra-Ue hanno ceduto l’1,6%. Arretrano la biancheria da letto (-1,1%), quella da tavola (-7,2%) e quella in spugna per il bagno e la cucina (-16,4%). L’arredo avanza del 5,4%.

L’import è cresciuto del 14% (+15,7% dall’Ue, +13,1% dall’extra-Ue), spinto dall’accelerazione del 30% e oltre della biancheria da letto e da tavola (nella foto, il letto secondo Provasi Home).

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Tessile-casa: il bilancio del 2013 e i primi mesi del 2014";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.