Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Al MICAM il meglio della calzatura mondiale (scarica tutti gli allegati qui)

febbraio 9 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

Dall’11 al 14 febbraio a Fiera Milano (Rho) 1.364 aziende daranno vita alla manifestazione internazionale del settore. Pilotti: “Il 2017 si chiude all’insegna della stabilità. La ripresa però appare ancora lontana”. Nella Fashion Square uno spazio dedicato alla lotta alla contraffazione realizzata grazie al Museo del Vero e del Falso.

Autenticità, passione, tradizione: l’arte della calzatura racchiude in sé un patrimonio da custodire e preservare, una cultura di cui l’Italia è uno dei maggiori interpreti. Eccellenza, design raffinato e qualità nei materiali ispirano anche l’offerta che contraddistingue MICAM Milano.

L’85esima della manifestazione internazionale dedicata al mondo della calzatura che dall’11 al 14 febbraio torna protagonista a Fiera Milano (Rho) sarà una mostra viva e vitale che rappresenta la più alta espressione della creatività e della qualità di un comparto di punta e solo in Italia occupa oltre 77mila addetti diretti in quasi 5mila aziende.

I NUMERI DELL’ECCELLENZA

Una vetrina internazionale di tendenza, in un format unico per il suo genere, che con i suoi 1.364 espositori, di cui 603 stranieri e 761 italiani, celebra le eccellenze dell’artigianato manifatturiero attraverso una fusione di elementi di tradizione e innovazione per essere sempre al passo coi tempi. Vasta e qualificatissima, come sempre, la proposta espositiva, che quest’anno si arricchisce con new entry del calibro di Docksteps, Donna Karan, Fragiacomo, Frau, Lelli Kelly, Paciotti e Zecchino D’Oro.

“MICAM è un appuntamento immancabile per quanti cercano una vetrina internazionale unica per qualità e stile” dichiara Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici. “Le aziende, che qui incontrano buyer di tutto il mondo, ritengono questa manifestazione un’occasione unica per lanciare i loro nuovi prodotti, stabilire o consolidare relazioni d’affari, finalizzare al meglio le strategie commerciali internazionali. È qui che si valorizzano al massimo la qualità, la creatività, la ricerca che le nostre aziende sanno esprimere”.

Un comparto – quello calzaturiero – che anche nei primi dieci mesi del 2017 ha mostrato segni moderatamente positivi in tutti i principali indicatori, nonostante un quadro congiunturale improntato ancora alla cautela e alla stabilità. “A sostenere il settore è ancora una volta l’export – dichiara Pilotti – che, secondo le cifre ufficiali Istat ferme ai primi dieci mesi del 2017, evidenzia incrementi del 3,3% in valore e dell’1,5% in quantità rispetto all’analogo periodo del 2016. Ma non possiamo cedere a facili entusiasmi: la ripresa, già rilevata in altri settori produttivi nazionali, non è per noi ancora in corso, sebbene le indicazioni confortanti ci facciano sperare che la strada imboccata sia quella giusta”.

ABBASSO LA CONTRAFFAZIONE

Per sostenere il settore nell’attuale scenario globale, MICAM propone anche quest’anno un format ricco di aree tematiche e merceologiche, tra interessanti conferme e sorprendenti novità.

Al padiglione 1, nella Fashion Square, sarà allestito un corner dedicato alla lotta alla contraffazione. Tra gli obiettivi di Assocalzaturifici c’è, infatti, la diffusione della cultura della legalità contro i fenomeni della concorrenza sleale e dei prodotti contraffatti, che penalizzano la produzione Made in Italy, apprezzata in tutto il mondo. Da qui la decisione di sensibilizzare buyer ed espositori su un tema di estrema importanza, attraverso la realizzazione di una mostra dal titolo “Questa non è una sòla – Scarpe tra fake e rarità”, creata in collaborazione con il Museo del Vero e del Falso, realtà associativa campana con l’obiettivo di tutelare la manifattura italiana e prevenire i fenomeni illegali. “

A livello nazionale il valore del mercato interno del falso genera un “fatturato” di oltre 6 miliardi all’anno” dichiara Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici. “Il danno economico per le industrie calzaturiere è stimato tra 190 e 240 milioni di euro. Il fenomeno purtroppo si è acuito con la crisi, che rende i prodotti contraffatti più appetibili per il consumatore, aggravando la già precaria situazione di molte imprese produttrici, specialmente piccole e medie. Assocalzaturifici è da anni in prima linea nella lotta alla contraffazione, attiva sui principali tavoli politici, nazionali ed internazionali, per sollecitare le istituzioni a prendere provvedimenti efficaci su questo tema. Inoltre, una calzatura contraffatta non provoca solo scompensi economici, ma anche danni alla salute di chi la indossa: materiali non controllati possono essere tossici e rappresentare un problema davvero grave, se si pensa, per esempio, alle calzature destinate ai bambini”.

ESPERIENZE ED ECCELLENZE

Novità di questa ottantacinquesima edizione, la Fun Square, collocata all’interno del padiglione 4. Uno spazio in cui i visitatori potranno immergersi in scenari virtuali grazie all’utilizzo dell’Oculus Rift, circondati da ledwall e da postazioni hair styling in collaborazione con Adorn e Tenax.

Debuttano nel padiglione 4 anche gli Emerging Designer, con un’area dedicata a quei designer le cui collezioni emergono sul panorama dell’offerta calzaturiera contemporanea, perché in grado di carpire l’attenzione dei “consumatori creativi”, che sono quelli con l’occhio più allenato ed esperto nel valutare scelte d’acquisto che faranno tendenza.

Infine spazio alla creatività nell’iKids Square con Monsieur Plant, nome d’arte di Christophe Guinet. L’artista parigino, celebre per le sue sculture “naturali”, creerà una serie di opere d’arte utilizzando i modelli di alcune calzature da bambino.

Nell’area “Luxury” del padiglione 1 sorgerà la Man Square con gli oramai noti Sciuscià che, tra scaffali pieni di lucidi e spazzole, lustreranno le scarpe di tutti coloro che lo desidereranno.

Spazio poi al cibo e all’originalità nella Style Square con Yujia Hu, uno chef artista di 29 anni, noto al pubblico come “the onigiri art” per aver creato “shoeshi”, il sushi a forma di scarpe: nelle giornate di MICAM, infatti, sarà possibile vederlo all’opera e, naturalmente, degustare i vari modelli che realizzerà ispirandosi alle scarpe in mostra. Ma l’evento espositivo resta soprattutto un’occasione imperdibile di aggiornamento professionale. Nel padiglione 7, nella celebre MICAM Square, una serie di consulenti internazionali offriranno quotidianamente spunti interessanti e suggerimenti utili agli operatori del settore. Moltissimi i seminari, organizzati in collaborazione con WGSN, in cui si discuterà di scenari commerciali e si individueranno, insieme alle tendenze di stile previste per le prossime stagioni, gli sviluppi più attuali in tema di marketing, retail e nuovi gruppi di consumatori. Ricco anche il calendario delle sfilate in programma che metteranno in luce le tendenze per l’autunno/inverno 18/19 e animeranno la Square durante i giorni di mostra.

Prosegue infine la collaborazione con ICE Agenzia per promuovere MICAM: grazie al supporto di ICE e ai fondi del Ministero dello Sviluppo Economico la manifestazione accoglierà, anche in questa edizione, una qualificata selezione internazionale di giornalisti e buyer.

PASSIONE E CREATIVITÀ IN FIERA. E FUORI

Tante infine le iniziative legate alla manifestazione dentro e fuori la fiera, non solo per sostenere e promuovere il business, ma per trasmettere l’amore e la passione che legano a questo prodotto sia chi lo crea, sia chi lo acquista e indossa. A partire dalle nuove formule di comunicazione e le iniziative di grande impatto messe in campo da Assocalzaturifici per dare visibilità al settore e alle sue caratteristiche valoriali.

Nasce proprio dalla volontà dell’Associazione la campagna pubblicitaria ispirata alla “Divina Commedia” che da tre edizioni caratterizza MICAM, con il fine di accompagnare in un viaggio emozionante gli operatori e il pubblico prendendo in prestito vizi e virtù.

Dopo la “Lussuria”, che ha rappresentato il desiderio di possedere le calzature più fashion e la “Seduzione” che ha giocato sul richiamo che esercita chi le indossa, quest’anno il cammino allegorico della calzatura proseguirà in Purgatorio dando spazio alla “Vanità” per raccontare l’orgoglio di chi si piace, e la bellezza e la qualità artigianale della scarpa italiana, icona di unicità, espressione di uno stile elegante e raffinato.

Inoltre, per coinvolgere anche Milano nel fermento creativo del settore e aumentare ulteriormente la visibilità di MICAM, ma soprattutto delle eccellenze della manifattura calzaturiera italiana, l’Associazione ha realizzato in collaborazione con Elle e Very Elle, un’installazione di impatto in città: 30 sagome giganti di calzature Made in Italy che verranno appese lungo via Fiori Chiari, a pochi passi dall’Accademia di Brera, a sottolineare ancora una volta la creatività che caratterizza le creazioni dell’industria calzaturiera italiana.

GLI EVENTI DI MICAM CON OSPITI D’ECCEZIONE

Tra gli appuntamenti in programma nel corso della serata inaugurale spazio al talk show condotto da Jo Squillo nel padiglione 1 in cui sarà assegnato il “MICAM Award” al miglior buyer straniero e a cinque calzaturifici storici italiani. I premi saranno consegnati dal fashion blogger e influencer Mariano di Vaio e dalla conduttrice Caterina Balivo. A seguire l’imperdibile serata “Vanity in the spotlight” presso la Fashion Square: ospite d’eccezione Giorgio Moroder, leggendario dj e producer oltre che vincitore di 3 Oscar per le sue colonne sonore.

Uno spazio dedicato agli Emerging Designers

MICAM offre per la prima volta ampio spazio ai designer emergenti con un’area evento specificamente studiata e una mostra di proposte altamente selezionate.

Il futuro della calzatura, in un mondo globalizzato, passa attraverso le contaminazioni culturali e stilistiche che abbattono le frontiere dei singoli paesi: l’area “Emerging Designers” riunisce, infatti, 12 nuovi brand provenienti da Belgio, Francia, Gran Bretagna, Israele, Italia, Stati Uniti e Taiwan, scelti tra 22 talenti internazionali emergenti da parte di una giuria qualificata di esperti di moda e comunicazione composta da Ernesto Esposito (Presidente di giuria), Georgia Amorotti, Marco Braga, Simona Flamigni, Aurora Sansone e Alex Vaccani.

A orientare la scelta della giuria sono stati diversi parametri, tra cui carica innovativa, vendibilità, comunicabilità e valore aggiunto in termini di ricerca e stile: caratteristiche fortemente richieste dal mercato che costituiranno una sicura fonte di attrattività per gli operatori di MICAM Milano.

Le realtà selezionate sono: ABCENSE, ADIEU, DONDOKS PARIS, FOOTWEAR ART BY KOBI LEVI, GOOD VIBES, IRI, LE FLOW PARIS, MADAME COSETTE, MERAH VODIANOVA, SOLOVIÈRE, THEY NEW YORK, WEBERHODELFEDER.

Dall’essenzialità delle linee minimal alle colorate ispirazioni latine, dai più audaci accostamenti cromatici alle nuove frontiere dello stile classico, dalla geometria delle forme alla ricchezza di modelli da star: non c’è limite alla creatività degli stilisti emergenti, una varietà che non potrà che stupire e superare ogni aspettativa.

Ai 12 nuovi brand sarà data la possibilità di esporre per la prima volta in un contesto prestigioso e di incontrare l’occhio attento di aziende e operatori professionali che potranno valorizzarne e consacrarne il talento in futuro.

MICAM Milano rappresenta un valore aggiunto sia per le aziende, che possono individuare nuovi trend dello stile e incontrare i loro migliori interpreti, sia per gli stessi designer, che possono muovere i primi passi comprendendo le esigenze del mercato e cogliendo al volo opportunità di business messe a disposizione dall’incontro con gli operatori di tutto il mondo.

Pensato come un progetto di ampio respiro, destinato a durare anche nelle prossime edizioni, “Emerging Designers” testimonia la determinazione di MICAM Milano nel promuovere lo spirito di iniziativa e la voglia di osare dei giovani talenti che rappresentano il futuro del settore, garantendo ampia visibilità al loro spirito creativo davanti a una platea internazionale e orientando le scelte d’acquisto destinate a fare tendenza.

Originale nell’offerta espositiva, ma anche nell’allestimento, per le promesse emergenti del design calzaturiero MICAM Milano ha ideato uno spazio ricco di vitalità e freschezza: l’impianto scenografico dell’area “Emerging Designers”, creato per accogliere i 12 nuovi brand in mostra, invita alla scoperta di un giardino all’italiana e stupisce come un viaggio inaspettato: un paesaggio immersivo all’interno del quale scoprire, con sorpresa e stupore, le intuizioni che coloreranno di nuova creatività il settore calzaturiero di domani.

GLI ALLEGATI

MICAM Calendario

MICAM Vademecum

MICAM Preconsuntivo 2017_nota congiunturale Assocalzaturifici

MICAM Trends

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Al MICAM il meglio della calzatura mondiale (scarica tutti gli allegati qui)";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.