Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

CNA Federmoda: bilancio positivo per il progetto Manifattura Italiana a ModAmont

settembre 26 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

Piena soddisfazione per la terza partecipazione di CNA Federmoda con il progetto Manifattura Italiana a ModAmont.

Si è appena conclusa l’edizione di ModAmont dedicata alle collezioni per l’autunno-inverno 2012-2013 e CNA Federmoda traccia un bilancio positivo della terza partecipazione al salone parigino con il progetto Manifattura Italiana all’interno dell’area The Lab, un’area dedicata all’artigianato d’eccellenza che propone accessori in serie limitate, pezzi per le sfilate o per linee capsule.

 “Abbiamo continuato il progetto nonostante su questa edizione non si sia potuto contare sul supporto che per il passato era stato fornito da Ministero dello Sviluppo Economico e ICE – dichiara il Presidente Nazionale CNA Federmoda, Luca Marco Rinfreschi – attraverso lo strumento dell’Intesa Operativa che avevamo in essere. Purtroppo la soppressione dell’Istituto nazionale per il Commercio Estero attuata per decreto nel luglio scorso ha fatto venir meno risorse che sarebbero state di grande aiuto alle nostre imprese. Nonostante questo i nostri imprenditori hanno creduto nell’iniziativa e non hanno mancato l’appuntamento, la perseveranza delle imprese italiane è stata premiata dal mercato e quanto raccolto in fiera ha ancora una volta dimostrato il valore del nostro saper fare”.

 Durante il salone i vertici di CNA Federmoda hanno tenuto una riunione con il Direttore di ModAmont, Gilles Lasbordes e la Responsabile del salone, Céline Bertrand per confermare il prosieguo della partecipazione alla manifestazione con il progetto Manifattura Italiana, già nelle prossime settimane verrà avviata la selezione delle imprese per la partecipazione all’edizione di febbraio di ModAmont area The Lab.

 “Con Manifattura Italiana, abbiamo iniziato un percorso nel settembre 2010 che ha messo in evidenza la validità delle nostre scelte di sostegno alla filiera moda sui mercati intrnazionali. – ha affermato Antonio Franceschini, Responsabile Nazionale CNA Federmoda – Scelte basate sulla conoscenza del nostro sistema produttivo e delle potenzialità che questo mantiene. La filiera moda italiana è in grado di esprimere un’eccellenza che viene ricercata da quegli operatori internazionali che intendono apportare valore aggiunto alle loro collezioni moda. Abbiamo una realtà diffusa di aziende operanti nel campo degli accessori per le collezioni moda che vanno dalla produzione di etichette, ai ricami, ai bottoni, alle passamerie, ai fiori in tessuto, in pelle, in pelliccia, alle piume, alle stampe, alle plisettature e così via, che il mondo ci invidia. Per questo proseguiremo le azioni di supporto a questa parte della filiera intensificando le iniziative”.

 “Auspichiamo che a breve il Governo proponga al sistema produttivo italiano una strumentazione di supporto all’internazionalizzazione che è venuta meno con la soppressione dell’ICE. – ha continuato Rinfreschi – E’ inconcepibile come in momenti come questi, in cui è estremamente importante garantire una presenza costante sui mercati internazionali delle nostre imprese, si crei un vuoto organizzativo del genere che penalizza l’intero sistema Paese”.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="CNA Federmoda: bilancio positivo per il progetto Manifattura Italiana a ModAmont";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.