Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Contratto di subfornitura: più certezze, meno contenzioso e totale “protezione” dalla responsabilità solidale

maggio 26 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

Sostenuto e promosso da sempre da associazioni di categoria e Camera di commercio, il contratto di subfornitura era entrato negli ultimi anni, a torto, in un cono d’ombra. Ora però, soprattutto dopo i chiarimenti contenuti nella circolare del 1° marzo (2/E) dell’Agenzia delle entrate in materia di responsabilità solidale, il tema contratto di subfornitura ritorna di stretta attualità.

La circolare dell’Agenzia delle entrate infatti precisa due cose importanti: primo, che la normativa sulla responsabilità solidale si applica ai contratti di appalto di tutti i settori e non solo dell’edilizia; secondo, che fra le tipologie di contratto escluse dal regime della responsabilità solidale vi è (assieme ai contratti d’opera, di trasporto e interni a rapporti consortili) la subfornitura.

In altre parole, se una relazione fra aziende è regolata da un contratto scritto di subfornitura (ovviamente quando si configuri effettivamente questo tipo di relazione) non vi è responsabilità fiscale solidale del committente verso il subfornitore; e, nella stessa logica, non vi sono nemmeno sanzioni nel caso in cui il committente paghi il subfornitore senza che questi abbia attestato il versamento di Iva e ritenute.

Da ciò deriva che le aziende sono sollevate da adempimenti gravosi nello svolgimento della loro attività, sulla scia di quanto la stessa Agenzia delle entrate aveva già chiarito con un’altra circolare (la 40/E dell’ottobre scorso): in quest’ultima infatti veniva introdotta la possibilità per l’appaltatore (o subappaltatore) di autocertificare la propria regolarità fiscale, rispetto alla necessità di presentare un’asseverazione prodotta da un professionista o da un Caf.

“Questa ulteriore circolare contribuisce a perimetrare l’ambito di applicazione della responsabilità solidale, consentendo di uscire dai molti dubbi che, a ragione o a torto, sussistevano fin dal 2003, anno di entrata in vigore della relativa legge” osserva il presidente dell’Unione Industriale Pratese Andrea Cavicchi “Il contratto di subfornitura ha tuttavia una sua piena opportunità di utilizzo indipendentemente  dalla responsabilità solidale. Non a caso nel 2001, quando di responsabilità solidale non si parlava affatto,l’Unione concorse attivamente, assieme alle associazioni artigiane, alla redazione del modello di contratto di subfornitura per il tessile promosso dalla Camera di commercio di Prato. Un modello che mantiene la sua piena validità e che consente relazioni fra le imprese all’insegna di una maggior qualità, trasparenza e certezza. Responsabilità solidale e contratto scritto di subfornitura vanno, ciascuno a suo modo e con i propri pro e contro, nella stessa positiva direzione: quella della linearità dei rapporti fra imprese.”

“Il contratto di subfornitura, fortemente voluto dalle associazioni artigiane fin dalla fine degli anni novanta, è sicuramente uno strumento che permette una maggiore chiarezza nelle relazioni tra committenti e terzisti.” dichiara Luca Giusti, presidente di Confartigianato Imprese Prato. “Il fatto che la regolamentazione della cosiddetta ‘responsabilità solidale’ , che comunque rafforza il concetto di omogeneità dei destini tra committenti e terzisti, rilanci l’utilizzo dello strumento contrattuale non può che far bene a chi opera nel distretto. Già a suo tempo la forte collaborazione tra associazioni artigiane e Confindustria portò alla formulazione di un contratto tipo, depositato presso la Camera di commercio, affinché fosse utilizzato in maniera diffusa. Il contratto permette di determinare con chiarezza molti dettagli del rapporto stesso quali, ad esempio, i tempi di pagamento o i termini per le consegne.  Visto che una delle due norme andrà seguita, da parte nostra riteniamo che l’utilizzo del contratto di subfornitura fornisca maggiori garanzie per un corretto rapporto per entrambe le parti, sia committenti sia terzisti.”

“La nostra associazione insieme alle altre – chiude Anselmo Potenza, presidente CNA Prato – ha sostenuto fin dall’inizio l’adozione del contratto come strumento necessario per definire e regolare in piena trasparenza i rapporti all’interno della filiera tessile. Abbiamo partecipato ai lavori presso la Camera di Commercio ma, soprattutto, abbiamo sempre invitato i nostri associati ad utilizzare questo strumento di lavoro. Purtroppo in questi anni l’utilizzo all’interno del distretto è sempre stato marginale, a differenza di altre aree produttive del nostro paese, dove il contratto di subfornitura ha un utilizzo molto più diffuso. Invito pertanto le imprese a cogliere anche i vantaggi della recente circolare dell’Agenzia delle Entrate per diffondere l’uso del contratto.”

Unione Industriale, Cna e Confartigianato hanno stabilito di rafforzare la promozione del contratto di subfornitura fra i propri associati, stimolandone l’adozione da parte delle imprese anche di altre filiere produttive dove si configuri tale rapporto

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Contratto di subfornitura: più certezze, meno contenzioso e totale “protezione” dalla responsabilità solidale";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.