Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Exploit di compratori a Modaprima 75: +30% nelle presenze

novembre 26 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Carpi, Como, Eventi, News, Prato

1.850 buyer in totale provenienti da più di 50 paesi esteri.  Ottime performance da Turchia, Spagna, Belgio, Germania, Francia, Hong Kong e tutto l’Est-Europa

Modaprima n.75 si è conclusa confermando in pieno le aspettative e l’andamento in crescita delle ultime edizioni. Dal 22 al 24 novembre, la Stazione Leopolda ha accolto circa 1.850 compratori da tutto il mondo, i rappresentanti e agenti della media e grande distribuzione organizzata internazionale, arrivati a Firenze per vedere e acquistare le oltre 150 collezioni ready-to-wear di abbigliamento e accessori donna e uomo per l’autunno-inverno 2014-2015, presentate dalle migliori aziende italiane di questo settore. I numeri dei compratori registrati sono da record: +30% rispetto alla precedente edizione invernale (erano stati 1.400 i buyer nel novembre 2012), in crescita sostenuta sia gli italiani sia degli esteri, con performance importanti nelle presenze da Turchia (+55%), Spagna (+60%), Belgio (più che raddoppiati), Germania (+55%), Francia (+13%), e poi Hong Kong, Lituania, Ucraina, Polonia, Kazakistan e Azerbaijan.

“Modaprima cresce nei numeri, nella qualità e nelle sue prospettive”, afferma Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine. “Si conferma l’appuntamento di riferimento a livello internazionale per il fast fashion di qualità: lo dicono i numeri in crescita, la qualità delle presenze internazionali, e i feedback più che positivi raccolti tra le nostre aziende nei tre giorni di fiera. La spinta sull’internazionalità del salone sta continuando a dare i suoi frutti, e

la sinergia con ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione, con la quale da diverse edizioni organizziamo un programma mirato di promozione e ospitalità, ha dato ottimi risultati anche a questa edizione, facendo arrivare a Firenze buyer e operatori da Ucraina, Russia, Hong Kong, Giappone, Israele, Stati Uniti, Francia, Corea, Germania, Polonia e Svezia. E grande soddisfazione anche per i numeri degli operatori italiani, in crescita nonostante le difficoltà dell’economia e dei consumi in Italia. Continueremo investimenti e azioni mirate per far crescere il salone e il suo peso internazionale: le potenzialità di un’ulteriore crescita ci sono tutte”.

Nella classifica dei primi 20 paesi in testa il Giappone, seguito da Turchia (ormai diventato il secondo paese estero di riferimento), Spagna, Portogallo, Belgio, Russia, Grecia, Germania, Francia, Canada, Hong Kong, Svezia, Lituania, Stati Uniti, Ucraina, Irlanda, Polonia, Olanda, Svizzera e Gran Bretagna.

Abbiamo raccolto una serie di commenti tra i buyer di Modaprima:

Georgy Bragrationi, Fashion Brand Development (Russia)

“Sono qui per trovare nuovi brand da proporre sul mercato russo: la domanda è molto cambiata negli ultimi due anni, e non si cerca più solo il lusso estremo ma anche piccoli brand con un prodotto interessante. Questa fiera è perfetta per il mio target: ben organizzata, con un prodotto mirato e una selezione impeccabile di produttori, che non perdono di vista la qualità pur mantenendosi in dei range di prezzo medi. Conosco bene lo staff di Pitti Immagine, e so bene quanto sono efficaci e puntuali nell’organizzare fiere del settore moda, per me un grande aiuto per capire il mercato Italia. Ma non sono l’unico ad avere questo tipo di riscontro: ho notato che nelle ultime due edizioni i compratori stranieri sono stati in crescita!”

Oksana Demyanchuk, VIMO (Ucraina)

“ E’ la nostra prima volta a Modaprima, abbiamo a Kiev diversi negozi di abbigliamento uomo, donna e bambino. Siamo venuti per cercare nuovi marchi da proporre: non è un momento di grande fermento nel nostro paese, per questo è importante stimolare la domanda con un’offerta innovativa e interessante. Qui abbiamo trovato una fiera ben organizzata e interessante anche dal punto di vista delle collezioni presentate: ho visto per esempio delle bellissime sciarpe di lana e seta, che credo proporrò nei miei negozi. Sono molto contenta di aver scelto di partecipare, e credo tornerò anche a Pitti Uomo e Pitti Bimbo”.

Kroehnert Modeagentur (Germania)

“Abbiamo uno showroom e un ufficio di rappresentanza a Dusseldorf, e promuoviamo diversi brand sul mercato tedesco. Ho trovato diversi brand molto interessanti, con un prodotto che concilia un buon prezzo a un’estetica innovativa e originale, e ottima qualità nelle materie prime. Il target della nostra agenzia è forse un po’ più alto, ma qui la proposta è perfettamente in linea con le attuali esigenze di mercato”.

Roger Pothus, Renaissance (Stati Uniti)

“Il bilancio della nostra partecipazione al salone è assolutamente positivo: qui ho trovato prodotti interessanti con un ottimo rapporto qualità prezzo, bellissime stampe e fantasie, oltre a una materia prima di grande pregio. Prodotti ottimi quindi per il mio punto vendita in Michigan, negli Stati Uniti. Del resto il prodotto italiano è una garanzia: prima di partire ho organizzato un evento nel mio negozio, con vino italiano, cibo italiano, macchine italiane… e naturalmente brand italiani. E’ stato un grande successo, e il viaggio qui a Firenze è anche per continuare questo percorso all’insegna del Made in Italy”.

Yoshiro Ito, Kiyohara &Co

“Per me è la prima volta a Modaprima, ma sono molto contento di essere venuto. Ho preso contatti con diversi produttori. Io rappresento un grosso distributore in Giappone, quindi valuterò più precisamente il tipo di prodotto da proporre ai negozi una volta tornato a casa. Ma sono soddisfatto della ricerca che ho fatto qui, e sono sicuro che finalizzerò diversi ordini tra i brand contattati in fiera. Inoltre qui la proposta presentata è per il prossimo autunno-inverno 2014-2015, ed è interessante vedere così in anticipo le tendenze del fast fashion”.

… e tra gli espositori del salone:

Stefano Zanetti, Zanetti Moda  – Titazen Blouses

“Se devo riassumere questa fiera in una parola direi: concretezza. Per i contatti, sempre di grande interesse e veramente finalizzati a riportare a casa delle proposte e a fare ordini. E per noi espositori, che visti i tempi così anticipati della fiera, riusciamo ad avere un feedback importante sul nostro lavoro attraverso il contatto con i buyer. Questo spostamento da Milano, a conti fatti, è stato un cambiamento solo positivo: Firenze è una città di grande ospitalità e bellezza, e questo la rende interessante anche agli occhi dei buyer stranieri, che di edizione in edizione sono sempre più numerosi”.

Carla Casagrande, Mr Giuly Mode

“Noi partecipiamo al salone fin dalla prima edizione, e questo credo sia il miglior attestato della nostra soddisfazione per Modaprima. La location è bellissima, la fiera ben organizzata, sia come accessibilità, i servizi di trasporto sono ottimi e ben comunicati, sia come accoglienza. I nostri clienti sono ben felici di venire a trovarci a Firenze: lo spostamento da Milano, che inizialmente credevamo potesse comportare una flessione, ha rappresentato l’esatto contrario!”.

Karin Lippi, Flyline

“E’ la nostra quarta stagione a Modaprima e il bilancio è sicuramente positivo. E’ un palcoscenico importante per farsi conoscere e creare nuovi contatti. Quest’anno è molto aumentato il numero dei buyer stranieri, da quello che ho potuto vedere dai movimenti e dai contatti fatti finora. Del resto la location è bellissima e l’organizzazione efficiente, la città non ha bisogno di presentazioni: tutti ottimi motivi per venire anche da paesi come il Giappone o la Russia”.

Iacopo Vendramin, Responsabile PR per Maglificio Venezia

“Rispetto alla stagione estiva abbiamo riscontrato una maggior presenza di buyer stranieri e trovato nuovi clienti. E’ la nostra quarta stagione qui e il nostro è un bilancio sempre in crescita. Trovo che la selezione degli espositori da parte dello staff sia mirata e bilanciata alla domanda di mercato. Per questo espositori e compratori  tornano anno dopo anno, con una curva in incremento costante come numero e qualità. E poi Firenze, come Venezia, è sempre una ragione che vale un viaggio!”.

Francesco Rella, Maglificio Sant’Anna

“ E’ la nostra prima edizione di Modaprima, quindi non sono in grado di fare un bilancio rispetto alle precedenti edizioni. Ma sia venerdì che sabato ho riscontrato un ottimo movimento di compratori, anche stranieri. Una bella finestra per farsi conoscere e misurare il polso del mercato. Poi il luogo è molto affascinante e inedito, e l’accoglienza perfetta. Una fiera ben riuscita e ben comunicata insomma”.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Exploit di compratori a Modaprima 75: +30% nelle presenze";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.