Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Export pratese in crescita nel 2014

dicembre 19 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

L’Istat ha resi pubblici i dati del commercio estero a livello territoriale relativi al terzo trimestre 2014.

Prosegue la crescita dell’export manifatturiero di Prato, che inanella il terzo trimestre consecutivo di aumento tendenziale nel 2014 portando la variazione complessiva dei primi nove mesi dell’anno al +11,0% rispetto al 2013, a fronte di una variazione del +1,9% della Toscana e del +1,7% dell’Italia. Tra le province italiane più industrializzate del Club dei 15 di Confindustria, Prato nel 2014 è la prima in termini di aumento dell’export rispetto al 2013.

Da sottolineare che, mentre l’andamento delle esportazioni nel 2011 è stato accompagnato dalla ripresa del mercato interno, nel 2014 il raffreddamento dei consumi nazionali stempera il risultato positivo delle vendite all’estero. Nel distretto pratese (province di Prato, Pistoia e Firenze) l’export tessile è aumentato nel 3° trimestre del +9,9% rispetto al 2013, in particolar modo grazie alle vendite di tessuti speciali e arredo (+12,4%), tessuti trama ordito (+10,9%), abbigliamento e maglieria (+8,8%). In rallentamento le esportazioni di filati.

A livello di partner esteri, spicca la ripresa delle vendite in Germania (+16% in valori gennaio-settembre 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013), primo mercato di sbocco per Prato. Bene le vendite anche nel resto d’Europa; in ordine decrescente di rilevanza del paese: Francia +4,5%, Spagna +17,7%, Regno Unito +23,1%. Tra i paesi extra europei si registrano aumenti importanti verso gli Stati Uniti (+34,9%) e la Cina (+9%).

Il Vicepresidente dell’Unione Andrea Tempestini, commenta: “I dati Istat elaborati dal nostro ufficio studi confermano che le vendite di Prato all’estero​ ​nel 2014 sono cresciute, contrastando in parte gli effetti negativi dovuti all’andamento del mercato interno. Si tratta dei risultati di gennaio-settembre 2014, ma pesando il quarto trimestre molto meno in quantità di export sul totale dell’anno, si può già dire che si tratta di una ripresa solida. Il dollaro forte aiuta, ma l’aumento che si vede su quasi tutti i mercati europei è in realtà frutto di un rinnovato vigore imprenditoriale. La crisi ci ha costretti a cercare nuove strade, nuovi prodotti, nuove strategie, nuove strutture commerciali. Ora i risultati si vedono.”commenta: “I dati Istat elaborati dal nostro ufficio studi confermano che le vendite di Prato all’estero​ ​nel 2014 sono cresciute, contrastando in parte gli effetti negativi dovuti all’andamento del mercato interno. Si tratta dei risultati di gennaio-settembre 2014, ma pesando il quarto trimestre molto meno in quantità di export sul totale dell’anno, si può già dire che si tratta di una ripresa solida. Il dollaro forte aiuta, ma l’aumento che si vede su quasi tutti i mercati europei è in realtà frutto di un rinnovato vigore imprenditoriale. La crisi ci ha costretti a cercare nuove strade, nuovi prodotti, nuove strategie, nuove strutture commerciali. Ora i risultati si vedono.”

I  dati completi sono disponibili sul sito dell’UIP, nell’area dell’ufficio studi.

Cliccare qui per visionarli.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Export pratese in crescita nel 2014";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.