Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Il MISE sceglie Prato come modello per l’anti-contraffazione

ottobre 3 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News, Prato

Prato individuata come buona pratica dal Ministero dello sviluppo economico per l’anti contraffazione.

La forte collaborazione tra gli enti preposti al controllo analizzata dalla commissione ministeriale

Il modello di collaborazione sviluppato a Prato per contrastare l’illegalità diventa una buona pratica da esportare a livello nazionale, facendo prendere forma a un vero e proprio “modello Prato” che è stato oggetto di approfondimento per dare vita a un progetto pilota. Lo ha annunciato questa mattina Francesca Cappiello, funzionaria del Ministero dello Sviluppo Economico presentando i risultati preliminari del rapporto che sarà predisposto dal Censis sulla situazione delle misure sulla contraffazione adottate nel nostro territorio. Prato sarà infatti inserita all’interno di un progetto pilota per la sperimentazione delle “Linee guida in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno della contraffazione” adottate nel 2015 che ha già coinvolto Roma, Milano e Palermo, ma che a Prato avrà una declinazione diversa, dovendo prendere atto dell’esperienza del territorio in questi anni.

“E’ importante che ci sia riconosciuto questo ruolo di laboratorio per il modello di intervento sull’anticontraffazione che abbiamo elaborato in questi anni, lavorando “sul campo” – ha commentato il sindaco Biffoni – La collaborazione tra le varie forze coinvolte in questi anni è stato straordinario, la scelta del Mise è un riconoscimento importante”.

Questa mattina presso la Camera di Commercio di Prato di fronte al sindaco di Prato Matteo Biffoni, alla forze dell’ordine, alle associazioni di categoria e alle organizzazioni sindacali è stato presentato la bozza del progetto pilota per avere riscontri su quanto emerso e portare a termine la relazione. Il Ministero, coadiuvato dal Censis, ha realizzato alcuni studi di approfondimento e di individuazione dei rischi in materia di contraffazione che dovrà far emergere indicazioni operative utili a definire vere e propri piani di intervento da parte delle Prefetture.

Conclusa la fase di predisposizione dell’indagine pratese, nel mese di novembre ci sarà un evento di presentazione dell’iniziativa rivolto alla città.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Il MISE sceglie Prato come modello per l'anti-contraffazione";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.