Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

La mano dei tessuti a Busto Arsizio

giugno 6 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

La valutazione della cosiddetta “mano” dei tessuti è stata per lungo tempo ed è ancora un fatto empirico fra chi disegna, progetta, produce, nobilita, confeziona e distribuisce i tessuti.

L’AICTC, l’Associazione Italiana di Chimica Tessile e Coloristica, dedica a questa tematica il convegno “La valutazione tattile dei tessuti: dalla misura fisica a quella sensoriale”  previsto per il 10 giugno presso il Museo del Tessile di Busto Arsizio e la pubblicazione di un testo che raggruppa le conoscenze sulle diverse modalità di misura della mano.

L’occasione dell’evento è stata fornita da una serie di lavori pionieristici sviluppati dal CNR-Ibimet negli anni più recenti sulla valutazione sensoriale dei tessuti. La novità consiste nell’applicazione di questo genere di analisi, tipiche del mondo agricolo come quelle condotte dagli enologi sui vini, al caso dei tessuti così come sarà ampiamente spiegato nel corso del convegno.

Risulta così la disponibilità per le imprese del settore, oltre alle misure strumentali, quali quelle del Kawabata e del FAST, anche di questa appena indicata, del tutto innovativa e relativamente poco costosa.

Il presidente nazionale dell’AICTC, Alessandro Gigli, nel corso di una recente intervista ha ricordato nel corso della recente presentazione del convegno che: “La conoscenza e la diffusione dei processi chimico-tessili sono il fine di AICTC, perseguito con pubblicazioni e l’organizzazione di convegni tecnici dedicati all’approfondimento di temi importanti. La valutazione tattile dei tessuti è stata per lungo tempo un fatto empirico, che ha dato luogo a punti di vista diversi fra gli attori della filiera tessile. Con il presente convegno si intende fornire ad imprenditori e tecnici del settore uno stato dell’arte ragionato e pratico”.

Il convegno sarà tenuto presso il Museo del Tessile di Busto Arsizio. Inaugurato nel 1997, si estende su tre piani più due torrette. Al piano terra si trovano macchinari di filatura, grandi macchine di tessitura e finissaggio e i primi sistemi ottocenteschi di antinfortunistica. Il primo piano è dedicato alla storia della lavorazione Jacquard e alle fasi di confezionamento delle pezze. Nel centro della sala vi sono espositori in ricordo dei padri dell’industria bustocca, come Enrico dell’Acqua. Questo piano è anche importante per la “sala delle esperienze”, un laboratorio dove è possibile toccare con mano il cotone dal frutto al tessuto finito e condurre prove pratiche. Il secondo piano è dedicato a tintoria e stampa. Si ammirano prodotti finiti: corredi di inizio secolo, nuove fibre sintetiche, campionari, vecchie macchine per cucire e i nuovi tessuti usati nell’industria spaziale (la tuta autografata dell’astronauta Franco Malerba), nello sport (il sedile della Lotus di Formula 1 utilizzata da Mika Hakkinen) e nell’alta moda (abito collezione Gattinoni).

(Antonio Mauro)

Di seguito il programma.

14.00 Registrazione dei partecipanti

14.30 Apertura dei lavori

I. Misure oggettive della mano dei tessuti e loro applicazioni nella valutazione dei processi di finissaggio

Relatore: Fabio Rombaldoni

Coautori: Roberto Demichelis, Giorgio Mazzuchetti

CNR-ISMAC (Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per lo Studio delle Macromolecole), Sede di Biella

II. Comportamento fisico di un tessuto sottopo-sto a piccole deformazioni e sua influenza sulla “mano” e sulla confezionabilità

Relatore: Mario Bona, Politecnico di Torino, Coordi-natore scientifico del Biella Master delle Fibre Nobili

III. Applicazione del metodo Kilinc-Moghazy nella valutazione della mano dei tessuti a maglia

Relatori: Studenti del 4° anno Corso Moda, ISIS di Busto Arsizio

IV. Valutazione sensoriale della mano dei tessuti: dal “tocco” al panel test

Relatore: Stefano Predieri

Coautori: Massimiliano Magli, Serena Drago, Laura Bacci, Francesca Camilli dell’IBIMET-CNR

17.00 Tavola rotonda

Moderatore: Alessandro Gigli, Presidente AICTC

Le misure di “mano”: se e come possono essere utili per le aziende del tessile e dell’abbigliamento

Partecipano:

- Gruppo Zegna

- Lodovico Jucker, Certitex (a Company of Bureau Veritas Italia)

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="La mano dei tessuti a Busto Arsizio ";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.