Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

L’india riduce le coltivazioni di cotone

giugno 25 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

La superficie coltivata a cotone in India potrebbe conoscere uno dei cali più importanti da oltre dieci anni a questa parte. Infatti, il crollo dei prezzi e una terribile siccità stanno incoraggiando gli agricoltori a spostarsi verso la coltivazione di leguminose nella speranza di ottenere migliori rendimenti, ha dichiarato il rappresentante di un organismo professionale.

Un calo della produzione in India, secondo esportatore di cotone al mondo dopo gli USA, dovrebbe facilitare il recupero dei prezzi di riferimento a livello mondiale, che sono aumentati del 13% a partire dal valore più basso degli ultimi cinque anni, sceso a 57,05 centesimi per libbra nel mese di gennaio. In India, in compenso, i prezzi del cotone hanno subito una stagnazione.

I prezzi sono crollati al di sotto delle tariffe fissate dallo Stato dopo che la Cina, il maggiore compratore, ha frenato le importazioni nel 2014, per aiutare i propri produttori. Dall’altra parte, i prezzi delle leguminose sono cresciuti di oltre un terzo in sei mesi, a causa della limitata produzione dello scorso anno per colpa delle scarse piogge.

“Data la miglior resa di altre colture, la superficie coltivata a cotone potrebbe diminuire del 7%”, annunciava Dhiren Sheth, presidente della Cotton Association of India (CAI). Sarà il calo maggiore dal 2002/03.

Le previsioni per la prima siccità in India dal 2009 incoraggiano gli agricoltori a cambiare il tipo di coltura.

“Il cotone non rende a sufficienza. E se non piove a sufficienza, perdo ancora di più”, affermava Ashish Pawar, un produttore di cotone dello stato indiano del Maharashtra, che sta pensando concretamente di diversificare la sua produzione.

Il passaggio alla coltivazione delle leguminose, base dell’alimentazione in India, permetterà al Primo Ministro Narendra Modi di contenere i prezzi degli alimenti malgrado un anno in cui le piogge monsoniche si annunciano più deboli.

“Con il recente recupero dei prezzi della soia, gli agricoltori potrebbero anche piantare della soia al posto del cotone”, ha dichiarato Dinesh Shahra, direttore generale di Ruchi Soya Industries Ltd.

Questa sconfinerebbe così sulla superficie riservata al cotone, che aveva raggiunto il livello record dei 13 milioni di ettari nella stagione precedente, quando l’India ha prodotto 39 milioni di balle.

Il governo si aspetta un calo del 41% nel corso dell’anno di commercializzazione, che si conclude in settembre, a 7 milioni di balle, il livello più basso dal 2008/09.

La prospettiva cupa si riflette sul valore delle azioni dei produttori di semi di cotone, Kaveri Seed Co e Monsanto India, calate rispettivamente del 6% e del 9% questo mese.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="L'india riduce le coltivazioni di cotone";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.