Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Percorso semplificato per chiudere le vecchie Partite IVA

luglio 14 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Economia

La “Manovra Estiva” (art. 23 D.L. 98 del 06/07/2011) prevede la possibilità di chiudere le partite IVA inattive pagando una sanzione ridotta. 

Questa sanatoria interessa circa due milioni di partite IVA che risultano aperte in anagrafe tributaria ma che sono da considerare inattive. 

La sanzione ridotta

I titolari di partita IVA inattiva, che hanno omesso di presentare la domanda di cessazione nei termini prescritti dalla legge, hanno adesso la possibilità di sanare la loro posizione pagando una sanzione ridotta pari ad € 129 (un quarto del minimo edittale).

I termini per la sanatoria

Il termine per usufruire della sanzione ridotta è di 90 giorni dall’emanazione del D.L. 98/2011. Ricordiamo che il decreto è entrato in vigore il 6 luglio 2011.

Le modalità di sanatoria e di cessazione della partita IVA

La Manovra Estiva prevede un percorso semplificato per la chiusura della partita IVA inattiva: basta presentare il modello F24 col pagamento della sanzione e sarà l’Agenzia delle Entrate a provvedere alla cancellazione della partita IVA senza che il contribuente debba presentare il modello AA7 o AA9.

Ovviamente la sanatoria è possibile se la violazione di omessa cancellazione non è stata ancora contesta dal Fisco.

rag. Gabriele Giovannini

membro della Commissione Tributaria

Provinciale di Prato

studio: via Lepanto 13 – 59100 Prato

telefono 057424984 – fax 0574 401144

e-mail: studio@consultingteam.biz

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Percorso semplificato per chiudere le vecchie Partite IVA";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.