Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Pitti Bimbo, con fiori e colori il kidswear punta su anni ’70 a la parisienne

giugno 27 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Eventi, News

 (Adnkronos) – Fiori, colore, righe ispirazioni safari e marinare, per romantiche principesse e simpatiche canaglie. Ispirazione anni ’70 per una generazione che guarda allo chic parigino. La moda bimbo torna a Firenze con un carico di novità, pronta a sfidare una congiuntura complessa che sta rimescolando le carte. Secondo i dati diffusi da Sistema Moda Italia, infatti, vengono penalizzate le produzione made in Italy nella fascia che va dagli 8 ai 14 anni a vantaggio di un import a basso costo. Stabili invece le vendite alto di gamma per i più piccoli. Con un un dettaglio in più: le produzioni nostrane finiscono prevalentemente all’estero, mentre si importano quelle a basso costo. Con un effetto: il fatturato complessivo del settore resta stabile intorno ai 2,5 miliardi di euro, ma la bilancia commerciale risulta negativa. Ma le case di moda non si lasciano scoraggiare e portano nella vetrina di Pitti, la più importante per l’abbigliamento bimbo, proposte piene di colore e di idee. A partire da Gucci e Miss Grant, ma anche Marc Jacobs e Fendi.

Punta tutto sul colore la collezione firmata da Paola Montaguti per Miss Grant: rosso, bianco, blue Cina e blue navy per il ‘Cruise’. Uno stile tres chic declinato alla francese con maxi righe ricamate con paillettes, maxi stampe, collane di perle e fiocchi. Una costante dell’abbigliamento bimbo la stampa a fiori, con tonalità che sono quelle vivaci del rosa, fuxia e lilla. L’abbigliamento da cerimonia diventa couture, ma abbandona i canoni tradizionali. Grant ha scelto capi all’insegna di romanticismo e impalpabilità in cui il pizzo trionfa nella sua ricercatezza, declinati in una palette di colori delicata. Per la p/e 2012 prevale un’ondata di romanticismo e leggerezza. Il pizzo è all over. Nelle tinte tenui dell’ecrù e rosa cipria. Ad impreziosire questo nuovo total look Miss Grant Couture, ricami di perle e strass. Il total white domina insieme ai flash di colore. Anche la la T-shirt diventa couture, bianca e semplicissima, arricchita da vezzosi divertissement.

Mare e giungla, deserti e spiagge, ma anche prati pieni di fiori colorati. Sono questi i riferimenti delle nuove collezioni disegnate da Frida Giannini per i più piccoli, che Gucci presenta a Firenze. Nuova l’offerta di taglie: la linea Junior spazia ora dai 4 ai 12 anni, mentre la linea Baby veste i neonati e i bambini da 0 a 36 mesi. Il motivo marinaro a righe e la classica palette di rosso, bianco e blu dominano il tema marittimo, arricchito da una nuova stampa, la lettera G intrecciata con un’ancora, che appare su T-shirts, borse e scarpe e come motivo ad intarsio sulla maglieria.

Minifix, brand in auge tra le giovanissime, porta in scena il gusto sixtiees, il clima giocoso dell’estate fiorita e provenzale con suggestioni del mood francese riletto in chiave contemporanea in cui protagonista è il minidress a stampe floreali e a fantasia maxi vichy, caratterizzato dalla leggerezza di tessuti naturali e svolazzanti come il cotone e la mussola con inserti in sangallo.

Per Agatha Ruiz de la Prada, guru dell’abbigliamento bimbo made in Spain, coloratissimo e d’avanguardia, il sole ha la forma di una stella, le stelle hanno la forma dei fiori, i fiori hanno la forma di nuvola, le nuvole hanno la forma di un cuore. Così è la nuova collezione Baby, dove strisce multicolori giocano su una base intessuta con punto tricot.

Solo materiali esclusivi e ultrasoft come cotone misto cashmere, cotone, cotton voile e morbidissimo jersey per Amore di Mamma una raffinata linea di abbigliamento da 0 a 6 anni, Braccialini Girl porta in scena una collezione che è frutto del contratto di licenza siglato con l’azienda fiorentina Simon. L’accordo triennale parte proprio con la collezione p-e 2012, dove Il mondo dell’Oriente si esprime attraverso i morbidi e impalpabili tessuti delle t-shirt, nel sontuoso ‘Palazzo della Principessa’ mentre ‘Il Cammello Reale’ e ‘l’Elefante’ riposano adagiati su preziose felpe e abitini eleganti.

Cacharel lancia la Collezione neonato, dedicata a bambina e bambino da 0 a 3 anni. Disegnata da Corinne Sarrut, stilista che negli anni ’70 ha contribuito al grande successo del brand, la linea si divide nei temi Nascita, Battesimo, Cerimonia, Giorno.

Per la p-e 2012, Cri Cri punta, per i più piccoli, su una linea di abitini in punto di cotone naturale, con colori base e dettagli di stampati e bordati con i suoi animaletti preferiti: rane birichine, paperelle, simpatici mostriciattoli.

Slim fit e dettagli preziosi si applicano a materiali confortevoli e quotidiani per Douuod: jersey, felpa, cotone batista, insieme a uncinetto, utilizzato per shorts, top e vestitini; il tulle e jersey, declinato in abiti romantici e veloci.

Per Elsy prevalgono i toni dell’azzurro e dell’indaco. Ampie forme ad ‘A’ donano leggerezza a camicioni e abiti in voile, mussola e vichy. In casa Fendi domina l’armonia del bianco, del panna e beige naturale, con sfumature coloniali ravvivate da briosi accenti di colore turchese.

Una collezione avvolta dall’anima romantica degli anni ’70 per Junior Gaultier. Il jeans tie & die è utilizzato per i pezzi più Seventies: salopette, boot cut a zampa, shorts.

Tra i grandi nomi prestati alla moda bimbo anche Marc Jacobs che disegna bastoncini gelato sulle t-shirt, felpe con cappuccio e combo shorts. Lo spirito, ancora una volta, è quello di New York negli anni 70. Le righe, i quadri, i pois, piccoli e grandi, classici o a farfalla, regalano un aspetto grafico a questa eclettica collezione dai colori ”gelato”: fragola, limone, vaniglia.

Nuovissima la limited edition per Miss Blumarine, una combinazione di print e ricami ispirazione marina, di simboli come ancore, corde e bussole, di macro fiocchi e cuori ricamati sull’organza, di tricot laminati.

Guarda alle località esotiche, invece Monnalisa con il bianco, rosso e blu per pomeriggi assolati a Biarritz, giocando con mussole ricamate, scozzesi in taffetà e microplissè; sfondi ispirati ai colori delle oasi e dei deserti nordafricani per un divertente Droopy, il marrone, il bianco abbagliante e il turchese più intenso delle fascinose Hawaii, abbinati ai più classici personaggi Disney dentro improbabili secchielli o sotto l’ ombrellone, e per finire una storia romantica e fiorita, fatta di jersey stampati a fiori, profili di gros grain a taglio vivo e deliziosi canvas. Leggerezza protagonista per Tartatine et chocolat, che si esprime attraverso materiali morbidi e fini dettagli. Le delicate silhouette si declinano in una gamma di colori tenui: lilla, panna, mirtillo e bianco, con dettagli quali bottoni di madreperla, applicazioni, ricami e bouquet di rose. I materiali sono vaporosi: mousseline, seta, popeline e voile di cotone. Per la bella stagione, pagliaccetti, short, abiti e scamiciati, il tutto giocato in colori brillanti come la papaya e il bianco, nastri rigati e stampe dai sapori esotici.

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Pitti Bimbo, con fiori e colori il kidswear punta su anni '70 a la parisienne";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.