Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Pitti Filati 76: note economiche

gennaio 28 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Carpi, Como, News, Prato

Per il terzo anno consecutivo l’industria italiana della filatura (in questa accezione comprensiva della produzione di filati lanieri, cotonieri e linieri) presenta una performance complessivamente negativa in termini di turnover (ed export), pur in progressiva decelerazione.

Secondo le elaborazioni preliminari effettuate da SMI, il fatturato settoriale è stimato dimezzare il ritmo di flessione sperimentato nel 2013: nel 2014 il calo medio dovrebbe infatti risultare pari al -2,2%, con un turnover complessivo di poco superiore ai 2,9 miliardi di euro.

Sulla dinamica di comparto incide soprattutto il risultato, ancora negativo, accusato dalla filatura laniera; di contro, sia la filatura cotoniera sia la filatura liniera, grazie a un discreto dato conseguito sia sul fronte estero sia in Italia, presenterebbero già un’inversione di tendenza anche in termini di fatturato totale che torna, pertanto, ad evidenziare una variazione positiva.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Pitti Filati 76: note economiche";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.