Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Pitti Filati 86 al via domani a Firenze

gennaio 21 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Carpi, Como, News, Prato

Pitti Immagine Filati 86, la manifestazione internazionale di riferimento del settore dei filati per maglieria, è a Firenze dal 22 al 24 gennaio 2020.

Un appuntamento sempre nuovo e stimolante che riunisce l’eccellenza e la creatività della filatura su scala internazionale. Con un focus costante sulla ricerca e sulla sostenibilità, Pitti Filati è concept lab e piattaforma per tendenze, input e ispirazioni rivolte ai buyer e ai designer dei migliori fashion brand. Un mondo tutto da scoprire, in tutte le su declinazioni, per una visione completa dei principali trend e delle novità delle prossime stagioni. Protagonista di questa 86esima edizione, l’anteprima mondiale primavera/estate 2021 delle collezioni di filati per maglieria.

SHOW YOUR FLAGS AT PITTI: Il nuovo tema dei saloni invernali

Questa volta Pitti parla di bandiere. Un rettangolo di stoffa, un intarsio di linee, colori, disegni: la bandiera di Pitti Immagine sventola nello scatto realizzato dal grande fotografo reporter Franco Pagetti per la campagna dei saloni invernali, ideata con l’art direction di Angelo Figus. Tessuti sempre in movimento, come quelli degli abiti che portiamo, e che come gli abiti sono simboli mobili di identità, di appartenenza, di pensiero, di sentimento. La bandiera non è mai un tessuto muto, dice sempre qualcosa, suscita sempre un’emozione perché parla secondo messaggi universali. Le bandiere sono anche bellissime composizioni geometriche, producono un piacere nel vedere sventolare. Pitti è come le Nazioni Unite della Moda, dove ogni brand ha la propria bandiera, ma anche dove ognuno di noi può farsi bandiera di sé stesso. E Pitti Filati interpreterà questo nuovo tema sventolando bandiere che di volta in volta saranno gioco, fantasia, avventura, curiosità. Alla Fortezza da Basso il concetto di bandiera perderà la sua bidimensionalità e si trasformerà in un allestimento scenografico ideato dal set designer Alessandro Moradei, anche qui con l’art direction di Angelo Figus.

YARNS UNITED, il nuovo SPAZIO RICERCA

Una, dieci, cento bandiere. Una per ogni realtà espositiva che gravita intorno alle grandi Nazioni Unite del Filato. “Yarns United”, appunto, è questo il titolo del nuovo Spazio Ricerca, in linea con il tema generale dei saloni invernali di Pitti Immagine. Come in un vero e proprio laboratorio di creatività, lo Spazio Ricerca osserverà il tema bandiera da sei angolazioni diverse: ORIENT (bandiere navali); WAVE (bandiere che cambiano e si reinventano); TWINNING (bandiere come segno di condivisione); ARALDICA (bandiere animate da figure mitiche e simboliche); THE MOON AND THE STARS (i segni più ricorrenti sulle bandiere); ONG (le organizzazioni non governative che si occupano di diritti umani, salute, ambiente, infanzia…). Sotto la direzione artistica di Angelo Figus e Nicola Miller, e il set design di Alessandro Moradei.

CUSTOMEASY, Luxury custom made

La customizzazione applicata al mondo del lusso è al centro di CustomEasy, progetto giunto alla terza edizione e ormai diventato appuntamento consolidato. Al Piano Inferiore del Padiglione Centrale, con un allestimento di Alessandro Moradei, i diversi player di Pitti Filati, in sinergia tra di loro, danno vita a una collezione unica di maglieria, frutto di una vera integrazione di filiera. I filati di punta vengono smacchinati dai maglifici di KnitClub e trattati dallo specialista del settore Maurizio Brocchetto (Intex). 10 aziende che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, che porta la firma di Angelo Figus, saranno presenti con altrettanti pop-up, al Salone M.

SUSTAINABLE, l’area interamente dedicata alla sostenibilità cresce

Il progetto interamente dedicato alla sostenibilità e alle sue molteplici sfaccettature, lanciato per la prima volta a giugno a Pitti Filati, continua a crescere. Concepito come uno spazio in cui domina l’attualità, SustainAble – che si sviluppa dentro e attorno al Cavedio del Piano Inferiore del Padiglione Centrale – è un’occasione per conoscere prodotti e aziende che rispondono ai criteri ormai irrinunciabili dell’ecosostenibilità. Una sfida per tutti, sia in termini produttivi che di design. La direzione creativa di Angelo Figus e Arianna Mereu mostra che l’eccellenza può anche essere rispettosa dell’ecosistema. Con un set design di Alessandro Moradei.

FEEL THE YARN, Move beyond è il tema di “THE CONTEST 2020″

Feel the Yarn sarà presente al salone con uno desk, al Piano Terra del Padiglione Centrale, volto alla promozione di The Contest: il concorso e l’evento dedicati agli aspiranti stilisti provenienti da una selezione delle migliori scuole internazionali e alla promozione dei prodotti delle 35 filature che ne fanno parte. MOVE BEYOND è il tema proposto dalla curatrice Ornella Bignami per questa edizione: andare oltre, dinamizzare il cambiamento verso nuove espressioni estetiche. La moda è il linguaggio che ci guida da una cultura di estremi opposti verso uno scenario più armonico, sostenibile, una nuova fase della modernità.

KNITCLUB, nuova location: al Salone M, le eccellenze tecniche e creative

I maglifici di qualità sono protagonisti di KnitClub, l’area di Pitti Filati fortemente connessa allo Spazio Ricerca, che arriva al Salone M, al Piano Inferiore del Padiglione Centrale. È qui che i buyer, i designer e gli uffici stile dei più famosi brand internazionali di moda incontrano le eccellenze tecniche e creative delle aziende selezionate da Pitti Filati. Con l’obiettivo di una sempre più globale e avanzata sinergia di filiera.

FASHION AT WORK

Consulenze stilistiche, progettazione punti e prototipi, stampa su maglia, macchine per maglieria, bottoni e minuterie, accessori e passamanerie, ricami e applicazioni, tintorie e finissaggi, quaderni di tendenza e bureaux de style, sistemi di codifica del colore, sistemi software per il disegno o la confezione. Tutto questo è Fashion At Work, la sezione che accoglie espositori italiani e stranieri impegnati in segmenti importanti del processo creativo dei filati.

NOVITÀ DAL MONDO DIGITAL DI PITTI!

Vuoi preparare al meglio la tua visita a Pitti Filati? Sul nostro sito troverai tutti i nuovi servizi online di e-Pitti, che da questa edizione racconta più approfonditamente i marchi e la proposta di prodotti di ogni espositore già in anteprima, esclusivamente ai buyer registrati. È un’opportunità per facilitare il networking e massimizzare i tuoi contatti di business e di comunicazione, prima, durante e dopo la manifestazione. Non perderti tutte le novità digital, stay tuned!

Progetto speciale di questa edizione: LA SFILATA DI ACCADEMIA COSTUME & MODA, protagonisti i talenti del knitwear design del futuro

A Pitti Filati 86, il 22 gennaio 2020, alla Fortezza da Basso negli spazi della Sala della Ronda, sfileranno le collezioni personali di otto studenti internazionali del Master di Primo Livello in “Maglieria, Creative Knitwear Design” (CKD Master) di Accademia Costume & Moda di Roma. Il progetto, giunto alla terza edizione, mira a far emergere il talento dei giovani designer e le eccellenze della maglieria, ed è promosso e organizzato dalla Fondazione Pitti Immagine Discovery insieme a Accademia Costume & Moda, Modateca Deanna e Max Mara Fashion Group. Gli studenti avranno modo di mostrare le loro collezioni personali, realizzate con la miglior selezione di tessuti e filati dei maglifici partner espositori a Pitti Filati 86, utilizzando materie prime naturali e lavorando con aziende certificate.

Ecco gli studenti e le aziende coinvolte: Valeria Fortini (Maglificio Innocenti, Crisden); Laura Galati (Volcar, Filpucci, Zegna Baruffa Lane Borgosesia); Ana Karen Garza (Zanni Maglieria, Artemaglia Fashion, Filpucci); Monica Gesualdo (Melys, Be.Mi.Va, Cariaggi Lanificio); Chen Rei Yang (Shima Seiki Italia, Trame Trevigiane, Dondi Jersey, Be.Mi.Va, Tollegno 1900, Crisden); Silviana Neamu (SMT, Be.Mi.Va, Ilaria Manifattura Lane, Staff Ricami); Lynn Sungurtekin (Loma, Dondi Jersey, Ricami Laura, Staff Ricami, Blu di Prussia, Crisden); Namrata Surana (Maglificio Marilina, Dondi Jersey, Linea Più, Tollegno 1900, Blu di Prussia).

In passerella a Pitti Filati, anche i vincitori degli Industry Projects: i contest partiti all’inizio dell’anno accademico, per i quali le aziende Diesel Brave Kid, Roberto Collina, Max Mara Fashion Group, Missoni e K-Way hanno ognuna presentato agli studenti un brief creativo per progettare una speciale capsule collection.

Tra le iniziative in Fortezza: da MODA FUTURIBILE® l’accento sull’artigianalità tecnologica Con il focus “Hi-Craft”.

Torna MODA FUTURIBILE, il progetto di Dyloan Studio che valorizza il know-how italiano e promuove la sinergia tra diversi attori della filiera. A questa edizione di Pitti Filati, all’interno della sezione Fashion at Work al Piano Inferiore del Padiglione Centrale, il focus “Hi-Craft” porrà l’accento sull’artigianalità tecnologica, attraverso i prodotti realizzati da quattro maglifici storici – Maglificio De Pietri, Maglificio Mely’s, Maglificio Pini e Maglificio Cortese – utilizzando materiali innovativi e customizzati dall’artista No Curves mediante le tecniche della manifattura tecnologica Bond Factory. Tra le rinomate filature partecipanti: Filmar, Filpucci, Filatura di Tollegno e Botto Giuseppe. E per rendere ancora più tangibile lo sinergia tra le realtà coinvolte, nei primi due giorni di fiera, No Curves proporrà ai visitatori la customizzazione dei capi dal vivo, applicando alcune tecnologie della Bond Factory in diretta.

In concomitanza con Pitti Filati: VINTAGE SELECTION n.35 in scena al PADIGLIONE CAVANIGLIA

Con Vintage Selection, il salone di abbigliamento, accessori e oggetti di design vintage, in scena alla Fortezza da Basso nei giorni di Pitti Filati, gli spazi del Padiglione Cavaniglia diventano habitat naturale per un archivio straordinario, da cui i designer contemporanei e i migliori bureaux de style traggono ispirazione per la loro ricerca. Un concept lab che ripercorre i trend del passato e li remixa in chiave moderna: il titolo di questa edizione, ispirato al tema dei saloni di Pitti, è Vintage Flagship e avrà come simbolo una bandiera patchwork, fatta dei tanti tessuti di tanti colori e fantasie di cui sono fatti gli abiti. Un’esperienza sorprendente di shopping e intrattenimento, coinvolgente per espositori e pubblico.

Numeri e nomi

Marchi / Aziende

136 marchi in totale, di cui 19 provenienti dall’estero (Australia, Cina, Germania, Giappone, Mauritius, Perù, Regno Unito, Hong Kong, Romania, Svizzera e Turchia.), 86 espositori nella sezione Pitti Filati, di cui 13 provenienti dall’estero

20 espositori nella sezione Fashion at Work, di cui 3 provenienti dall’estero, 20 espositori nella sezione Knitclub, di cui 3 provenienti dall’estero, 10 espositori nella sezione CustomEasy

A gennaio 2019 il totale compratori ha raggiunto le 4.300 presenze, con i buyer esteri a quota 1.750. Nella classifica dei primi 15 paesi esteri di riferimento si confermava in testa il Regno Unito (211 compratori), seguito da Francia (190), Germania (152), Stati Uniti (121), Spagna (78), Svizzera (75), Russia (72), Turchia (65), Olanda (58), Giappone (52), Cina (49), Svezia (32), Belgio (30), Hong Kong (27) e Danimarca (27).

Nomi nuovi e rientri:

nella sezione PITTI FILATI: Filartex e Manifatture Tessili Bresciane (Italia), Spoerry 1866 (Svizzera), Takizen (Giappone)

Nella sezione FASHION AT WORK: Arteviva Hand Woven, Gualchieri & Gualchieri, Seritess, Simet, Stoll e Ugolini (Italia)

Nella sezione KNITCLUB: Manifattura Alessia, Elsa Carlani Cashmere Lab, Alcostricot e Fabrica 29 (Italia); Nippon Steel Trading (Hong Kong)

Nella sezione CUSTOMEASY: Art Design, C.Tessile, Cotton Trend, Fa Ricami, G.S., Intex, LBC Company, The Store, Titanus, Zero1 (Italia)


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.