Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Spesometro al via per negozianti e artigiani

luglio 1 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Economia, News

Da domani, 1° luglio, i commercianti al minuto e tutti i prestatori di servizi che certificano i corrispettivi con ricevute e scontrini fiscali dovranno monitorare le operazioni il cui prezzo, Iva inclusa, sia di ammontare uguale o superiore a 3.600 euro, identificando il cliente e conservando con cura le relative informazioni per trasferirle qualche mese dopo nelle comunicazioni da inviare all’agenzia delle Entrate.

Il monitoraggio delle operazioni effettuate dal 1° luglio 2011, sarà riepilogato in una comunicazione da inviare alle Entrate.

Il nuovo obbligo è già entrato in vigore dal 1° gennaio 2010, ma solo da domani sarà operativo anche con riferimento agli operatori che usano scontrini e ricevute fiscali.

Se questi operatori, per prassi aziendale o per richiesta del cliente, abbiano emesso fatture in luogo di ricevute e scontrini, dovranno monitorare le operazioni già dal 1° gennaio 2010.

In questo caso, e solo limitatamente a tali operazioni, la soglia non è di 3.600 euro, ma per il 2010 di 25mila euro e per il 2011 di 3mila euro.

rag. Gabriele Giovannini

membro della Commissione Tributaria

Provinciale di Prato

studio: via Lepanto 13 – 59100 Prato

telefono 057424984 – fax 0574 401144

e-mail: studio@consultingteam.biz

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Spesometro al via per negozianti e artigiani";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.