Giornale on line del tessile, moda, abbigliamento

Un’importante opportunità introdotta dal Decreto Agosto: La rivalutazione dei beni aziendali

novembre 20 | Pubblicato da Luigi Sorreca | News

Vi segnaliamo un’importante opportunità introdotta dal Decreto Agosto: LA RIVALUTAZIONE DEI BENI AZIENDALI

In molti casi questa operazione può tradursi in un consistente risparmio fiscale, dato che la rivalutazione si traduce in maggiori ammortamenti.

Possono essere rivalutati:

  • beni d’impresa materiali;
  • beni d’impresa immateriali;
  • partecipazioni in società controllate e collegate.
    Nota: possono essere rivalutate anche cave di marmo (beni estimati)

Questa la procedura da seguire:

  • Determinare il valore di mercato del/i bene/i da rivalutare (preferibilmente attraverso la stima di un professionista)
  • Versare un’imposta sostitutiva del 3% sulla maggiorazione.

Va tenuto presente che:

  • L’impresa può scegliere se chiedere la rivalutazione di tutti i suoi bene, di alcune categorie o anche di un solo bene.
  • I benefici decorreranno dall’esercizio 2021.
  • Si può scegliere di versare anche un’imposta sostitutiva del 10% che permette di trasformare il saldo attivo in una riserva di utili distribuibile ai soci, con un risparmio fiscale attorno al 15%.

Un esempio di calcolo del beneficio:

  • Costo storico del bene: € 300.000,
  • Importo già ammortizzato: € 220.000
  • Valore attuale del bene non rivalutato:  € 80.000 (= 300.000 – 220.000)

Ipotizziamo ora che la perizia attribuisca al bene un valore di mercato pari a € 200.000 i valori vengono così ricalcolati:

  • Costo storico del bene: € 750.000,
  • Importo già ammortizzato: € 550.000
  • Valore contabile aggiornato del bene = € 200.000 (corrispondente al valore di mercato).

Per i nostri calcoli supponiamo:

  • un’aliquota di ammortamento: 10%
  • Ires: 24%
  • Irap: 3,90%

Ed ecco il risparmio annuo:

ANNO 2021

Maggior ammortamento:    € 45.000 (75.000 – 30.000)
Risparmio fiscale:        € 12.555
Imposta sostitutiva:        € 1.000
Beneficio netto:            € 11.355

ANNO 2022

Maggior ammortamento:    € 45.000 (75.000 – 30.000)
Risparmio fiscale:        € 12.555
Imposta sostitutiva:        € 1.000
Beneficio netto:            € 11.355

ANNO 2023

Maggior ammortamento:    € 30.000 (50.000 – 20.000)
Risparmio fiscale:        € 8.370
Imposta sostitutiva:        € 1.200
Beneficio netto:            € 7.170

BENEFICIO TOTALE: € 29.800

Il percorso che Vi proponiamo:

Valutare in modo corretto e documentato la rivalutazione dei beni richiede competenze sia economico-fiscali che tecniche (ingegneristiche, urbanistiche, ecc. a seconda della natura dei beni)

Analizzeremo, senza impegno e a titolo gratuito, la Vostra situazione per:

  • verificare il possesso dei requisiti;
  • stimare il beneficio che potete conseguire.

In caso di affidamento dell’incarico produrremo:

  • una perizia asseverata (non obbligatoria ma caldamente consigliata), con la stima dei valori
  • Analisi numeriche e business plan a supporto dell’operazione.

La documentazione da noi prodotta sarà di grande importanza in caso di eventuali controlli a posteriori.

In caso di interesse, siamo a Vostra disposizione per informazioni e per una verifica preliminare senza impegno della Vostra situazione.
Potete iniziare inviandoci per email all’indirizzo: info@verdenergia.it

a) una visura camerale aggiornata
b) gli ultimi due bilanci
c) il libro dei cespiti
d) l’indicazione di quali beni pensate di rivalutare

Nota: Come misura preventiva anti-Covid stiamo operando in Smart Work, quindi Vi chiediamo la cortesia di comunicare con noi preferibilmente tramite e-mail (salvo, ovviamente, casi di urgenza) o per telefono.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.