Giornale on line del tessile, abbigliamento e non solo…

Le tendenze moda di Pitti Filati 72

gennaio 23 | Pubblicato da Luigi Sorreca | Biella, Carpi, Como, Eventi, News, Prato

Viaggio nello spazio. Filati aerei costruiti per sfidare le leggi di gravità

Focus sull’“orgoglio della leggerezza”, che si concretizza nella capacità di presentare – attraverso il sempre più scaltrito mix di tradizione e tecnologia – filati finora solo immaginati, di nuova generazione, capaci di unire le finezze della seta con l’inconfondibile tattilità del cashmere. In uno scenario etereo e raffinato, la materia emerge sfidando le leggi di gravità, immergendosi in un mondo fatto di colori vaporosi, di contrasti lucidi e brillanti con aspetti opachi. Un nuovo lusso dalle interessanti combinazioni cromatiche e dai filati densi e ricarichi di seduzione: viscose brillanti, ritorti multicolor, seta super fine dai colori camaleontici.

I filati più estivi spaziano dal cotone, utilizzato da solo oppure unito a cashmere o vicuna, al prezioso e inedito blend di lino e cashmere. La seta viene esplorata con un nuovo gusto per la scoperta di qualità e lavorazioni innovative che le donano un aspetto più corposo, luminoso ma opaco, accanto ai contenuti di leggerezza ed eleganza assoluta.

Tecnobellezza ad alta definizione

Bellezza e arricchimento sono parole-chiave per la prossima estate. Ottimismo, attrazione per le nuove tecnologie, sperimentazioni coraggiose apportano novità. Tutto è più miscelato: generi ed epoche, stili e origini, quotidianità e lusso. Le viscose stupiscono presentandosi impalpabili con lucidi bottoni infinitamente piccoli, oppure con riflessi di luce ossidati. Le membrane lucide di viscosa svelano inediti giochi di luce ed effetti volume. Le viscose stretch sfidano gli standard della funzionalità nelle loro aderenze anatomiche, le viscose ferme sono lisce, micro-crepe e opache, scivolose oppure fluide e lucide. I filati di cotone si presentano finissimi, e rispecchiano una nuova esigenza di freschezza, l’aspirazione ad uno stile pulito e lineare. I cotoni voluminosi stupiscono per la loro rotondità. I filati di lino sono variegati e ingegnosi, e mischie di lino e viscosa sono arricchite da raffinati melange. I look da sera diventano sempre più radicali attraverso applicazioni di chiodi e borchie. Luci metalliche di colori forti a contrasto creano effetti camouflage, mentre i filati di lurex, ispirandosi ai metalli più preziosi della terra, si illuminano di toni metallizzati.

L’arte del colore

Colori di profondità e superficie. Vivi e forti come smalti, lucidi e opachi, colori di luce e ombra. Dalla luce provengono i bianchi irreali, i radiosi bagliori e i riflessi di luce dorata, dalle ombre scure della notte i nuovi neri e marroni. Contrasti decorativi, pittorici, decisi, si stagliano accanto a equilibri naturali dei verdi vegetali, di celestiali rosa e azzurri. Cromatismi vibranti, misteriosi, orientali, esotici. Giochi di lucido e opaco, laminato e trasparente, in un continuo dialogo di effetti. Si fondono valori antichi e moderni, come la lucentezza e la memoria del lusso; la naturalità semplice e spirituale degli opachi; l’omaggio al futuro, presente nell’assenza di gravità di fili senza peso, frutto di alchimie infinitesimali. Fili che consentono di realizzare rilievi 3D, con palette vivaci e preziose o sfumature diafane. Trasparenze e sovrapposizioni ad alto tasso di creatività. Pittorici contorni e schemi grafici, volute, arabeschi stilizzati, mosaici  e  inattesi aspetti “spray”.

 

Sensibilità verso l’anima verde di ogni fibra

Naturale è una parola d’ordine in tutte le valenze e in tutti i filati. Il cotone si declina in materie prime selezionate con cura; impianti di filatura tecnologicamente avanzati; processi di tintura che impiegano coloranti rispettosi dell’ambiente per esaltare le caratteristiche naturali del filato. La seta dà vita a prodotti finissimi e filati lucidi ed elastici. Il lino è solo di qualità europea, per un filato perfetto. La juta è “fibra d’oro” per riflessi brillanti, un tocco unito al cotone o al lino per interpretare tutto il lusso della semplicità.

Aspetti vegetali, organici, per filati che giocano con i riflessi delle luci o si fanno opachi, per raccontare lo schiudersi del fiocco di cotone, la poesia del bozzolo, il fascino di strutture semplici e sapienti. Su tutto, aspetti rotondi e leggerissimi.

Aguglieria, tricot neoglobale

Inserire nel fashion e nella casa, negli spazi dove viviamo e negli stili che indossiamo, un’impronta antica e personale. Il desiderio di fare e costruire con le proprie mani, recuperando il rituale, riassaporando i gesti ritmici e slow di cucire, intrecciare, lavorare ai ferri. Fantasie e acrobazie del crochet che rilancia artistiche ragnatele e bordure. Consistenze design e lavorazioni rustiche della maglia a mano, con cui esprimere valori fermi nel tempo, facendo affiorare le origini della creatività tessile artigiana e l’arte del saper far da sé.

La nuova aguglieria: easy to do, e anche easy to care.

 

var hupso_counters_lang="en_US";var hupso_twitter_via="paginetessili";var hupso_title_t="Le tendenze moda di Pitti Filati 72";

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un Commento

Realizzazione sito MB web designer | Powered by Master elettronica S.r.l.